dia, confini, vedute help!

messaggio inserito domenica 26 febbraio 2017 da Rufy

Rufy : [post n° 393844]

dia, confini, vedute help!

Salve a tutti, ho una situazione a quanto contorta che sto cercando di risolvere con l'aiuto di un avvocato e un architetto. Spero potrete darmi qualche consigio utile perchè davvero non si riesce a venirne fuori.
Ho acquistato dal costruttore, tramite agenzia un immobile da circa 2 anni di nuova costruzione, questo è stato edificato insieme ad altri appartamenti, demolendo un vecchio fabricato presistente.
Il progetto iniziale concesso con silenzio assenzo tramite DIA prevedeva degli appartementi in più che non sono stati più costruiti perchè inizialmente il vicino aveva dato il consenso ad attaccarsi alla sua proprietà e sono in possesso anche della dichiarazione sua firmata, poi in un momento successivo, per alcuni diverbi con il costruttore ha deciso per ripicca di revocare il permerso di accostarsi alla sua parte di confine.
i vigili per quello che ho capito hanno fermato i lavori. Il costruttore ha dovuto rinunciare alla costruzione dei 2 appartamenti che sarebbero dovuti venire attaccati al vicino trasformando quel pezzo in una corte esclusiva. Il problema è che l'appartamento che ho comprato prevedeva piano terra e primo piano nel progetto originale, con le tasse per la cubatura del piano superiore già pagate al comune, ma siccome il piano di sopra non era stato ultimato prima della segnalazione del vicino hanno dovuto lasciare il piano terra come appartamento, con corte esterna e una scala esterna che porta sul primo piano che è rimasto aperto per tre lati, sebbene sopra c'è un terrazzo con mansarda e quindi coperto e i tre lati quindi sono ora come vedute, perchp ci sono anche i muretti, è come se mancassero solo le finestre per poterlo chiudere. Ora sembra che nella mia zona il regolamento urbanistico prevede 10 metri di distanza (d.m. 1444 ). la parete confinante però è a 5 metri da me quindi non capisco perchè il piano terra è stato ultimato e il primo piano no. Unica differenza è una finestrella condonata del vicino che è stata aperta sulla sua parete di confine quindi dove in teoria non poteva esserci che è alla stessa altezza del mio primo piano. però il regolamento 1444 dice che sia da finestre che da paresti sono sempre 10 metri, quindi se ho capito bene non cambia niente! Il mio avvocato dice che io ormai la veduta ce l'ho e quindi se il comune mi concede l'autorizzazione, come sembra voler fare (sembre salvo diritti di terzi) il vicino seconodo lui non può ostacolarmi. Il mio timore però è che il vicino possa poi farmi causa e poi chiedere anche la demolizione del piano di sotto?! è possibile ? o ormai passati 2 anni e con il fatto che ho acquistato io la casa lui non può più far valere i suoi diritii di distanza? In più la finestra sua è li da più di 20 anni, anche se condonata io non posso chiedere di rimuoverla visto che non penso l'abbia già usocapita? Io credo che il costruttore si sia accordato con il suo avvocato e quello del vicino di lasciare tutto cosi e non proseguire ulteriorlmente. ma se fosse così io posso ora fare qualcosa? o c'è qualche modo per risolvere? Spero di essere statao abbastanza chiaro, purtroppo non è facile spiegarlo.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.