Accesso agli atti su altra proprietà

messaggio inserito venerdì 7 aprile 2017 da mikros

[post n° 395690]

Accesso agli atti su altra proprietà

Salve a tutti. Premetto che non sono pratico di scartoffie redatte in burocratese. Mi ritrovo in una situazione abbastanza comune: c'è un terreno fronteggiante l'abitazione del mio cliente dal quale lo separa una strada comunale. Questa abitazione ha la veduta solo su questo lato (strada+terreno). Da un accesso agli atti informale siamo venuti a conoscenza che quel terreno non è edificabile (non ricordo la zona omogenea). Abbiamo scoperto che il proprietario sta iniziando dei lavori, ma non sappiamo di quale natura. La mia domanda è questa: è possibile richiedere l'accesso agli atti per conoscere la natura di questi lavori, cioè se sono urbanisticamente fattibili e, nel caso, se è stato presentato titolo abilitativo (siamo anche in zona parco regionale)? È possibile richiedere documentazione riguardante la zona omogenea sulla quale grava il terreno in questione pur non essendo proprietari? In caso si voglia far valere il diritto di veduta, è necessario (credo io) l'atto notarile dell'abitazione del mio cliente? Grazie in anticipo.
:
Metterà fuori un cartello o no?
:
1 - lo strumento urbanistico è a disposizione di tutti, basta andare sul sito del comune e guardarsi (o farsi aiutare da un tecnico) gli elaborati per conoscere le caratteristiche di ogni cm di area comunale (edificabilità, altezze, distanze........)

2 - ogni cantiere ha obbligo di apporre un cartello con informazioni riguardanti l'intervento (tipologia, progettista, proprietà.............) con le quali si possono avere poi notizie sulla natura dei lavori

3 - il diritto di veduta esiste nel caso ci sia una specifica servitù sul fondo in questione, non è previsto dallo strumento urbanistico

4 - in ogni caso la polizia municipale è a disposizione per qualsiasi richiesta di controllo
:
Ringrazio per le risposte, ma...:
1) È un comune di poco meno di 1000 abitanti dei quali almeno 900 sono parenti stretti, larghi, compari, commare, conoscenti, contigui e, almeno il 75% di questi, ammanigliati con qualcuno dell'amministrazione;
2) No, non metteranno nessun cartello, non c'è l'abitudine da quelle parti e i vigili urbani (2, +1 solo in estate che non è neanche un dipendente comunale) intervengono se e solo se li si minaccia apertamente di denuncia alla Procura della Repubblica per i motivi su esposti e quando intervengono non "sanno" neanche quello che dicono (in presenza dei CC il "comandante" ha avuto il coraggio di dire che non vedeva un camino perfettamente funzionante e alto 2,5 m oltre il colmo del tetto di un edificio di un piano). Su questo però non ci sono problemi: il nipote, figlio del figlio, del cliente è avvocato (come il sindaco);
3) Il sito del comune, da quattro anni, promette la pubblicazione del PRG (c'è il solo regolamento edilizio), ma ancora non ha provveduto. C'è da dire che, per una serie di inchieste giudiziarie precedenti riguardanti tutti i sindaci uscenti, il PRG "spariva" e "ricompariva" ogni volta che avvenivano perquisizioni di CC, GdF o ufficiali giudiziari, quindi c'è una particolare abitudine a far apparire quello che si vuole e ad agire secondo convenienza. È già capitato, infatti, che venissero aperte finestre in muri portanti in pietra o addirittura interi piani in una sola notte (oppure case o parti di case costruite scavando la roccia friabile o su strada comunale... in zona sismica in tutto simile al territorio di Amatrice...);

Per quanto riguarda lo strumento urbanistico ho già compilato la richiesta di accesso agli atti, l'unico dubbio che mi attanagliava riguardava la possibilità di accedere anche alle procedure del proprietario del fondo in questione senza poter far leva sul diritto di veduta (non ho ancora sotto mano l'atto notarile), ma intuisco che sia possibile.
Grazie.
:
Dunque, da accesso agli atti scopro che il proprietario del terreno sta realizzando una rampa di accesso carrabile. Il terreno è in zona F secondo il PRG del '92. Essendo il vincolo venuto meno (abbondantemente passati i cinque anni) ed essendo diventata "zona bianca" (assimilabile ad area agricola) per di più da troppo tempo, è possibile la costruzione di una rampa? Non sarebbe una nuova costruzione malgrado non siano previsti nuovi volumi? Il progetto prevede naturalmente anche una recinzione ed un cancello di accesso con tanto di "apertura d'invito" (la strada comunale è stretta).

P.S.
Hanno messo una specie di cartello indicante le figure presenti nel progetto solo dopo mia sollecitazione all'impresa e a "titolo di conoscenza".
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.