CILA per completamento impianti

messaggio inserito lunedì 3 luglio 2017 da salvia

salvia : [post n° 398708]

CILA per completamento impianti

Buongiorno a tutti
Ho un'unità abitativa classificata come F3, ovvero in corso di costruzione.
Il geom che mi fa la variazione catastale mi dice che per passare in A c'è bisogno di una "pratichina" ediliza che comprovi il passaggio da "in costruzione" a lavori finiti.
Non ci sono varianti planimetriche, ma ci sono da fare/completare gli impianti.
In base al D.p.r. 380 mi pare chiaro di poter fare una CILA, ma il tecnico del Comune storce il naso.
L'unico escamotage sarebbe per me la chiusura di una nicchia, che però mi fa cascare la camera da letto sotto i 14 mq, con la conseguente dichiarazione che è per 1 sola persona.
Cosa ne pensate?
Grazie!
gioma :
Per passare dalla caregoria F3 alla categoria A, bisogna prima eseguire tutti i lavori necessari per completare l'immobile e renderlo agibile tramite la presentazione in Comune della pratica edilizia più idonea.
salvia :
La CILA
Leonardo :
Si, è molto semplice, fai i lavori che devono essere fatti per poterla rendere abitabile e presenti il titolo abilitativo al cambio di destinazione d'uso
desnip :
Per una volta tanto do ragione a un tecnico comunale.
La cila si presenta per m. o., m. s., ristrutturazione, restauro e risan. conservativo senza interventi sulle strutture.
Qui non ci sono interventi sulle strutture, d'accordo. Ma un f3 può essere anche solo travi e pilastri, dove bisogna fare praticamente tutto. Quindi una nuova costruzione a tutti gli effetti.
salvia :
Ciao desnip
Il Dpr 380 dice esplicitamente "nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici"
Catastalmente mi risulta che l'F3 sia definito come fabbricato nuovo, o parte di esso, ovvero unità immobiliare, ancora in costruzione. L'unità deve trovarsi in vero stato di lavorazione, ovvero non utilizzabile.
E la "mia" unità ricade in questa categoria: impianti in parte eseguiti ma non completati (idrosanitario e gas), o inesistenti (elettrico).
Quindi a parer mio essendo la CILA è consentita.
Se poi il tecnico esprime dubbi (non ancora chiariti del resto) è un'altra questione, perché per la mia esperienza talvolta si applica discrezionalità.
Infine, l'unità fa parte di una SCIA parziale, nella quale risulta "unità in costruzione", il che non implica che ci siano necessariamente variazioni planimetriche.
Forse sono io che appilco discrezionalità, in ogni caso troverò (devo) la soluzione.
desnip :
Sì, certo, il tuo caso è diverso dal mio esempio. Io avevo estremizzato...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.