rapporto committente/impresa

messaggio inserito venerdì 18 agosto 2017 da Arghi

Arghi : [post n° 399909]

rapporto committente/impresa

Salve, io sono il DL in un cantiere in cui quasi al termine dei lavori iniziano a incrinarsi i rapporti tra impresa e committente (molto frequente...).
Adesso il committente si è impuntato e vuole sostiuire l'impresa appaltatrice (che al momento è in ferie) con altra impresa. In questo caso non vi è un PSC e neppure un CSE (solo 1 impresa) e da quel punto di vista non ci sono problemi.....ma quel che ho fatto presente io è che la nuova impresa non può entrare a operare all'interno di un cantiere aperto in cui opera già una altra impresa (anche se è in ferire...) utilizzando strumenti della stessa come il quadro elettrico di cantiere ecc..... oltretutto essendo al 90% il completamento dei lavori risulterà molto difficile contestare alla prima impresa qualsiasi lavoro...... Insomma una gran confusione.
A vostro avviso come DL come debbo comportarmi? cosa devo fare per tutelarmi e tutelare il committente?
Fabry :
Se non ci sono problemi e mancanze oggettive nell'operato dell'impresa e quindi il motivo sono solo le paturnie personali del committente l'unico modo di tutelarlo è convincerlo a far finire i lavori a questa impresa, spiegandogli più che bene tutte le problematiche e i relativi costi di un cambio di impresa in una fase così avanzata dei lavori.
Per quanto riguarda il tutelarti credo tu non debba fare niente di particolare, a meno che come dicevo non ci siano mancanze nell'operato dell'impresa che come DL sei tenuto a segnalare, e a meno che ovviamente non sia stato tu a consigliare "caldamente" questa impresa al tuo committente...
desnip :
Mi inserisco per chiedere una cosa: in questo caso (cioè subentro di un'impresa a un'altra) è necessaria la notifica asl?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.