SANATORIA IN CONDOMINIO

messaggio inserito martedì 29 agosto 2017 da Daniela

Daniela : [post n° 400096]

SANATORIA IN CONDOMINIO

Buongiorno,
devo vendere un'appartamento ma ho scoperto che ci sono delle differenze tra i prospetti dell'intera casa (palazzina di 3 appartamenti) depositati in comune a lo stato di fatto.
Devo fare una sanatoria per poter procedere con la vendita ma le altre famiglie non vogliono.
C'e' modo di costringerli o devo accollarmi io tutta la spesa a sanare anche quanto spetterebbe a loro ?
Ho gia' chiesto in comune e non posso sanare solo la mia parte.
Grazie.
d.n.a. :
Devi innanzitutto rivolgerti ad un tecnico di zona, che dopo aver valutato la situazione ti coniglierà al meglio.
Se un edificio è difforme da quanto autorizzato, il proprietario può chiedere la "sanatoria" (se sanabile), va da se che tu chiedi per la parte di tua competenza, e contestualmente con l'istanza al comune, rendi palese l'abuso presente anche per le altre proprietà, in tal caso, il comune è tenuto ad iniziare il procedimento sull'abuso presente e richiedere la rimissione in pristino o la sanatoria anche agli altri proprietari.
Così facendo, "costringi" anche gli altri due proprietari a provvedere. Detto questo per fare una battuta, potrebbe essere che se ti va bene, trovi la tua macchina su 4 mattoni il giorno dopo, o non la trovi proprio..
Kia :
Secondo me in comune ti hanno detto una cosa sbagliata. Ci mancherebbe che uno avesse la casa bloccata per la vendita per un problema forometrico. Tu fai l'istanza per la parte di tua competenza e poi in comune decideranno se aprire un fascicolo anche per le altre unità immobiliari, i cui proprietari si arrangeranno per proprio conto. E' una situazione classica: quando viene fuori il problema invece di risolverlo assieme dividendosi la parcella del tecnico (cosa che mi sembra anche un vantaggio dal punto di vista economico), chi non deve vendere nell'immediato se ne infischia....senza pensare che poi il problema si ripropone nel futuro.
Daniela :
Grazie per la risposta, il problema e' che il comune ha gia' detto al tecnico che non e' possibile fare una sanatoria solo per la mia parte.
biba :
Premesso che ogni comune fa storia a sé, io mi informerei sulla validità della sanatoria, perché è vero che non la si può richiedere solo per il proprio "pezzo", ma dalle mie parti per esempio, una volta rilasciata, quella sanatoria avrà effetto solo per il richiedente e non per l'intero immobile. Ciò significa che tu oggi paghi il tecnico da sola, ma in futuro i tuoi condomini non potranno giovarsene e si ritroveranno con lo stesso tuo problema. Forse potresti fare leva su questo per convincerli.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.