fine lavori in ritardo liguria 10 anni

messaggio inserito martedì 21 novembre 2017 da Caliarch

Caliarch : [post n° 403110]

fine lavori in ritardo liguria 10 anni

Buon giorno cari colleghi,
non riesco a sciogliere un quesito di carattere Regionale.
Un cliente mi ha chiesto di avviare una pratica, e il primo passo è stato richiedere una visura catastale che ha evidenziato una difformità sostanziale. Avevano effettuato una ristrutturazione nel 2009 e il loro tecnico di allora non ha effettuato il nuovo accatastamento ( necessario per cambio di distribuzione interna) . Mi son chiesta come avesse fatto con la "chiusura lavori" ed è risultato che la allora Dia era stata presentata regolarmente, ma non mai la chiusura lavori.
Al comune mi dicono che il cliente deve pagare la sanzione ma non sanno dirmi a quanto ammontasse nel 2009 di cercarmelo :0. Il tecnico di allora dice che non serviva. Sono confusa, sapete aiutarmi?
Grazie


















































































desnip :
Riguardo all'accatastamento, posso confermarti che se non cambiava la consistenza, fino a qualche anno fa si era soliti non rifarlo. Però la fine lavori si presentava... Cmq a oggi la Dia risulterebbe scaduta.
Caliarch :
Grazie desnip, rispondo a me stessa per completezza di dati, magari può essere utile a qualcuno. Ai tempi per i lavori svolti veniva richiesta una CAA, che poteva prevedere chiusura lavori ma non la richiedeva obbligatoriamente. Il riaccatastamento era invece necessario causa cambio distribuzione interna. L'equivoco è nato dal fatto che il comune ha sbagliato la registrazione del documento archiviandola come DIA. che non era. Quindi tutto risolto , si fa riaccatastamento e la pratica ha fatto il suo iter.
Grazie
desnip :
Solo per uno scambio di opinioni: fino a qualche anno fa, anche se variava la distribuzione interna, non era obbligatorio riaccatastare se non cambiava la consistenza catastale.
Poi è arrivata la norma che richiede la conformità catastale per gli atti di trasferimento e il fatto che i notai richiedono la perfetta conformità con la planimetria, e quindi oggi risulta più semplice "convincere" i clienti che quando si varia la distribuzione bisogna SEMPRE fare variazione catastale.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.