Dubbio legale sul concetto di falso in atto pubblico

messaggio inserito lunedì 5 febbraio 2018 da Filippo

[post n° 405625]

Dubbio legale sul concetto di falso in atto pubblico

Sembra assodato che realizzare una scia /dia su di un opera abusiva, anche se per interventi conformi alle leggi urbanistiche corrisponda ad un falso da parte del tecnico. Ma leggendo sentenze e leggi e circolari non ne sono piu' cosi tanto sicuro.
Andiamo alle leggi
D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380
responsabilità del titolare del permesso di costruire, del committente, del costruttore e del direttore dei lavori, nonché anche del progettista per le opere subordinate a segnalazione certificata di inizio attività

1. Il titolare del permesso di costruire, il committente e il costruttore sono responsabili, ai fini e per gli effetti delle norme contenute nel presente capo, della conformità delle opere alla normativa urbanistica, alle previsioni di piano nonché, unitamente al direttore dei lavori, a quelle del permesso e alle modalità esecutive stabilite dal medesimo. Essi sono, altresì, tenuti al pagamento delle sanzioni pecuniarie e solidalmente alle spese per l'esecuzione in danno, in caso di demolizione delle opere abusivamente realizzate, salvo che dimostrino di non essere responsabili dell'abuso.
Il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale, ove entro il termine indicato al comma 1 sia riscontrata l'assenza di una o più delle condizioni stabilite, notifica all'interessato l'ordine motivato di non effettuare il previsto intervento e, in caso di falsa attestazione del professionista abilitato, informa l'autorità giudiziaria e il consiglio dell'ordine di appartenenza. È comunque salva la facoltà di ripresentare la denuncia di inizio attività, con le modifiche o le integrazioni necessarie per renderla conforme alla normativa urbanistica ed edilizia.

art. 23 comma 1
Il proprietario dell'immobile o chi abbia titolo per presentare la segnalazione certificata di inizio attività, almeno trenta giorni prima dell'effettivo inizio dei lavori, presenta allo sportello unico la segnalazione, accompagnata da una dettagliata relazione a firma di un progettista abilitato e dagli opportuni elaborati progettuali, che asseveri la conformità delle opere da realizzare agli strumenti urbanistici approvati e non in contrasto con quelli adottati ed ai regolamenti edilizi vigenti, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico-sanitarie.

e questo incasina ancora di piu'

Ad aumentare ulteriormente i miei dubbi poi si aggiunge la circolare:
Circolare 7 agosto 2003, n. 4174
Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, come
modificato ed integrato dal decreto legislativo 27 dicembre 2002, n. 301
Qualora si proceda con Dia, utilizzando la facoltà di cui all'art. 22 del Testo unico coordinato, la situazione
delle preesistenze, in quanto presupposto legittimante l'operazione di ristrutturazione mediante demolizione
e ricostruzione, deve essere oggetto di ricognizione nella relazione asseverata di cui all'art. 23, comma 1, del
Testo unico, sulla base degli elementi forniti dal proprietario ovvero delle ricerche condotte dal
professionista.
Peraltro, considerata la natura ricognitiva di tale attività, il professionista non assume alcuna responsabilità
circa l'effettiva situazione della costruzione con riferimento alla disciplina urbanistico-edilizia pregressa,
essendo il contenuto della relazione circoscritto ai risultati della ricerca condotta ed ai dati forniti dal proprietario.

A leggere tutto con attenzione, sembra che il reato di falso sia legato alle opere che noi andremo a realizzare , e non al fatto di avere avviato una scia su di un opera abusiva, perchè da nessuna parte si parla di conformità degli stati dei luoghi alle norme urbanistiche che sembrano più materia legata alla istruttoria della pubblica amministrazione. Sembra che il presupposto per un reato di falso sia legato piu' ad una falsata ricognizione degli stati dei luoghi, che sul fatto che lo stato dei luoghi sia conforme o meno alle leggi urbanistiche.
Vi esorto prima di dare qualsivoglia risposta di leggere con attenzione il mio post con tutte le citazioni di leggi e di riportare sempre testi di legge . Grazie

Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.