manutenzione ordinaria facciata condominio

messaggio inserito giovedì 1 marzo 2018 da Mo85

[post n° 406550]

manutenzione ordinaria facciata condominio

Salve, mi trovo ad affrontare uno dei miei primi lavori ed avrei bisogno di un consiglio. Si tratta di una manutenzione ordinaria dei prospetti esterni di un condominio, in particolare i lavori riguarderanno la tinteggiatura delle facciate mantenendo lo stesso colore e materiale ed eventuale rifacimento di lacune di intonaco , pitturazione elementi in ferro, sostituzione lattonerie, ripristino. cornicioni e frontalini balconi, L'edificio è una palazzina degli anni '80 senza alcun valore storico ma rientra nei limiti della zona parco (di cui tutto il borgo fa parte). Vorrei sapere se posso procedere con una cila e se ho bisogno del parere della Soprintendenza. Grazie in anticipo a chi saprà aiutarmi.
:
Per capire se rientra nella MO o nella MS, devi guardare cosa dicono le norme attuative del comune dove intervieni. A Torino, se tinteggi tutta la facciata (indipendentemente dal colore) e questa affaccia su strada pubblica, allora è MS e va presentata la CILA, con allegato il verbale colore (informati se nel comune dove effettui l'intervento c'è il piano colore). Per quanto riguarda la soprintendenza, il parere è richiesto quando l'edificio è sottoposto a vincolo dal Dlgs 42/2004. Dovresti verificare se ci sono vincoli sull'edificio.
:
Addirittura! La mo e la ms dipendono dal comune! Alla faccia della semplificazione, dei decreti scia 1 e scia 2 e compagnia cantante...
:
Purtroppo a livello locale le prescrizioni possono essere sempre inasprite, quindi quello che a livello nazionale rientra nella MO, nel singolo comune può diventare MS.
:
Oddio, vista in questo modo la questione cambia... "a livello locale le prescrizioni possono essere sempre inasprite" ed è giustissimo. Ma questo vuol dire che a livello locale ciò che è manutenzione ordinaria può richiedere un titolo autorizzativo solitamente non previsto, non che diventa qualcosa d'altro.
Le definizioni mi pare siano sempre le stesse a livello nazionale, quelle dell'art. 3 dpr 380/01.
:
Hai ragione desnip. Il problema è che la 380 non entra nello specifico, quindi ci sta che i singoli comuni dettaglino meglio ciò che è MS e ciò che è MO. Detto questo, ti posso dire con certezza che a Torino se tinteggi interamente una facciata lato strada, secondo le NTA, rientri nella MS e devi presentare una CILA.
:
Grazie a tutti per i consigli innanzitutto. Il comune dove vado ad intervenire è molto piccolo ed ha il solo piano di fabbricazione, il tecnico comunale ritiene debba andare in Soprintendenza per il solo fatto che rientra nel vincolo del parco. Effettivamente l'articolo 142 della 42/2004 alla lettera F indica come i parchi e le riserve siano in ogni caso aree da tutelare per legge. Nel mio caso però l'edificio in questione si trova in zona B, fuori dai limiti dove vige il piano colore ma nei limiti del parco solo che io non altero lo stato dei fatti. Sinceramente pensavo bastasse procedere con una CILA da presentare in Comune ma senza parere della Soprintendenza. Mi chiedo a questo punto che senso abbiano le semplificazioni introdotte dal DPR 31/2017.
Grazie
:
Ma quindi c'è un vincolo di tipo paesaggistico, non uno sui beni culturali, giusto? In tal caso, se non alteri lo stato dei fatti, puoi tranquillamente procedere con la CILA.
:
Esatto, si tratta di uno stabile degli anni '80 senza nessun valore storico-architettonico. Grazie del consiglio procederò in tal senso e cercherò di far valere le mie ragioni.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.