RESINA TERRAZZO SOLEGGIATO

messaggio inserito domenica 24 marzo 2019 da aze

[post n° 419541]

RESINA TERRAZZO SOLEGGIATO

Qualcuno può darmi dei riferimenti o semplici pareri sulla possibilità di rivestire con resina un intero terrazzo situato in zona piuttosto soleggiata ed esposta a maestrale?
:
L'uso delle resine per il risanamento impermeabile di terrazze e balconi è una soluzione consigliabile rispetto a quella tradizionale (demolizione e sostituzione della vecchia pavimentazione), perché si tratta di un intervento poco invasivo e che consente di ottenere come risultato finale un rivestimento continuo (senza giunti e fughe), di spessore e peso ridottissimi, e con un'ottima resistenza agli agenti atmosferici (sole e vento inclusi).
Va ricordato però che non tutte le pavimentazioni sono idonee ad essere ricoperte con resine.
Inoltre, i rivestimenti resinosi hanno una scarsa durata nel tempo e richiedono un rifacimento ad intervalli regolari.
:
Quoto Gioma.
Teoricamente le resine sono ottime per i risanamenti il problema è che rarissimamente le committenze riescono a stare dietro alla manutenzione periodica che quello specifico rivestimento richiede con il risultato che in breve tempo il rivestimento si ammalora e gli eventuali problemi legati a infiltrazioni, percolamenti ecc si ripresentano.

Io sotto questo punto di vista sono molto old school, rifacimento totale delle pavimentazioni con il rifacimento del caro vecchio doppio strato di guaina incrociata e via per altri 30 anni.
Tutte le altre soluzioni sono pagliativi.
:
Ciao Gioma e Franz, grazie per le risposte.
Il motivo per cui sto valutando la soluzione resina è puramente estetico, trattandosi di un edificio adibito a hospitality. Con lo stesso materiale potrei "salire" sulle superfici verticali (arredi e pareti), conferendo omogeneità. Mi spaventa la questione "manutenzione", di cui avete accennato e che ignoravo visto che non ho mai usato all'aperto questo materiale. Potete darmi informazioni aggiuntive a riguardo? Sto valutando anche la possibilità di utilizzare dei grandi lastroni in gres "slim", con cui invece lavoro spesso. Quindi la domanda da un milione di dollari è: GRES o RESINA? Col gres ho le fughe, con la resina no ... ma il gres non necessita di manutenzione, a parte una ripassata di stucco nelle fughe ogni tanto.
:
Il problema delle resine è che lo strato esterno si ammalora rapidamente, quindi il film superficiale (che è parte del ciclo delle resine) va ripristinato a cadenza regolare, pena la perdita delle prestazioni.
E' difficile dire ogni quanto va effettuata la manutenzione perchè i prodotti sono molto variegati, però va messo in conto che a cadenza regolare (tot anni) va effettuata la manutenzione e questo, per esperienza, mal si concilia con la stragrande maggioranza delle committenze.

Tra gres e resina io voto per il gres, tenendo però conto che un intervento fatto bene implica il rifacimento totale, dalle guaine al pavimento al fine di evitare che le guaine (magari in opera da 20 anni) si spacchino nel prossimo futuro costringendo a demolire e ricostruire. Discorso diverso se è una nuova costruzione o sono state ripristinate le guaine di recente ovviamente.
Ah e in generale, sui terrazzi, eviterei formati troppo grandi perchè mal si conciliano con gli sbalzi termici e gli eventuali micromovimenti strutturali del terrazzo.
:
Ciao Franz,
grazie ancora per il tuo tempo. La normativa per il gres in grandi formati prevede un giunto strutturale ogni 25 mq. e fughe da massimo 2 mm; oppure potrei optare per utilizzare tappetino DITRA DRAIN della Schluter per derogare la normativa. Cmq molto prezioso il tuo contributo sulla manutenzione delle resine. Grazie ancora. See you soon.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.