PROFESSIONE ARCHITETTO E VIAGGI DI LAVORO

messaggio inserito venerdì 12 aprile 2019 da Mavi92

[post n° 420380]

PROFESSIONE ARCHITETTO E VIAGGI DI LAVORO

Buon giorno,
mi sono da poco laureata in architettura al Politecnico di Milano , scrivo in questo blog in cerca di consigli da persone più esperte di me per un argomento che mi sta a cuore:
E' quasi un anno che lavoro in uno studio di architettura, il lavoro di per sé mi piace, solo che lo trovo troppo sedentario, otto ore ferma davanti a un pc, capisco che sia la normalità per molti, ma io sono alla ricerca di un impiego più dinamico, che mi permetta di viaggiare sia in italia che in europa per questioni lavorative... ed ecco arrivare alla mia domanda:
come posso conciliare questa ricerca di dinamicità con il lavoro dell' architetto? esistono postazioni che prevedono queste due cose? .. se si mi sapreste consigliare su che tipo di lavoro orientarmi?
:
Dipende tu da cosa cerchi.
Vuoi lavorare in studi di architettura affermati? Cerca tra italia e resto di Europa. Sicuramente avrai modo di viaggiare ma pensa che all'inizio, se non hai esperienza, puoi aspirare a fare la caddista. (o comunque modellatore BIM / Rhino / parametrico).
Se sei intenzionata a lavorare come libera professionista, allora mettiti l'anima in pace: ci vuole tempo. Il lato positivo è che puoi conciliare la tua voglia di viaggiare durante i periodi morti della professioni che sono fisiologici di tale lavoro
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.