Presupposti per una pratica di CILA in "condono" o altro

messaggio inserito lunedì 7 ottobre 2019 da Sergio

Sergio : [post n° 425231]

Presupposti per una pratica di CILA in "condono" o altro

Buongiorno,
non so se è corretto scrivere a qui, ma gradirei qualora fosse possibile ricevere informazioni su come procedere e se nel mio caso esistono i presupposti per una pratica di "condono" o altro per la seguente motivazione:

Nel 2010 ho acquistato da un privato una abitazione costruita nel 2001 con regolare licenza di costruzione, purtroppo sia il sottoscritto che il Notaio e il perito che ha periziato l'immobile per conto della banca (ben tre persone!) non ci siamo accorti che un piccolo vano (una cameretta) riporta di una lieve difformità dalla Planimetria Catastale che Non è Conforme allo Stato di Fatto in pratica la stanzetta ha una dimensione diversa dal progetto per circa 3 Mq. in più.
Siccome starei pensando di vendere l'immobile vorrei capire come poter regolarizzare il tutto considerato che ora sono io in difetto e non il venditore/costruttore? quali sono i tempi e i costi per sanare/riemettere a posto il tutto. Potreste indicarmi un bravo architetto competente in urbanistica a Roma magari anche del 12 Municipio?

Sicuro di una vostra risposta vi porgo i miei migliori saluti.

Sergio M.
ponteggiroma :
si ingeoalessio e ogni tanto scrive qui. E' un grande!
desnip :
Caspita, in tre e non vi siete accorti di 3 mq in più! Ci vuole una scienza!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.