rinuncia all'incarico professionale

messaggio inserito lunedì 16 marzo 2020 da maki

maki : [post n° 430035]

rinuncia all'incarico professionale

Salve vorrei un consiglio, il mio cliente non vuole seguire le mie indicazioni relativamente a degli interventi che dovrebbe fare per mettere a norma l'impianto per un'attività, non vuole richiedere il parere asl rispetto a questi e non mi vuole comunicare e approvare il preventivo per il coordinatore alla sicurezza, ho già avvertito che se cosi è devo rinunciare all'incarico, e vorrei chiedervi se potete consigliarmi un fac simile, o come meglio procedere per la rinuncia stessa o in generale come vi comportereste?
nikosky :
Per rinunciare ad un incarico basta anche una semplice comunicazione via pec o raccomandata per sopraggiunti es imprevedibili motivi personali.
ma la questione potrebbe essere più complicata se hai già presentato una pratica al comune perchè è necessaria la contest uale nomina del direttore lavori.
di che tipo di attività si parla? Sicuro serve il n.o. Asl?
se così non fosse e vuoi comunque portare a termine il tuo incarico intanto manda la pec dove metti nero su bianco le cose che lui, come commercialista e responsabile dei lavori dovrebbe fare tra cui la nomina del coordinatore. Ovviamente declino ogni responsabilità in merito alle mancate nomine nonché la segnalazione agli enti preposti in caso di inadempienze del committente.
chiuderei poi con una bella dicitura in cui ti riservi di adire le vie legali nei suoi confronti sperando che te abbia in a no un contratto o un preventivo dettagliato firmato.
insomma dipende da come sono messe le carte ma prima di dimettermi proverei a divertirmi un po'. Personalmente!
Maki :
Buon giorno, si ho un contratto e non è stata inviata ancora pratica al comune..non avrei quindi responsabilità se il cliente non vuole nominare il cse anche se necessario?l’attività è un centro tatuaggi e la richiesta sulla necessità di un parere asl è stata avanzata anche dal progettista dell’impianto di condizionamento..e il cliente non vuole procedere volendo lasciare quello esistente pensato per un precedente centro estetico.
Grazie
nikosky :
Il fatto che il cliente voglia lasciare l'impianto esistente potrebbe anche essere ipotizzabile purché qualcuno verifichi i ricambi aria e la qualità di quella immessa.
la mancata nomina del coordinatore è responsabilità del committente. Perché rinunciare all'incarico? Mandi una pec in cui scrivi che per te è necessaria la nomina del coordinatore in base all'art. 90 del decreto e specifichi che trattandosi di adempienze a carico del committente il professionista, in qualità di progettista e d.l. declina ogni responsabilità civili e penali e la mandi. Conservarne copia in cantiere.
la pratica Asl ovviamente è obbligatoria. Potrebbe eventualmente fare una variazione ma il nuovo n.o. sarà necessario.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.