Si può edificare meno di quanto previsto dal piano regolatore?

messaggio inserito domenica 31 maggio 2020 da Ermenegildo

[post n° 432852]

Si può edificare meno di quanto previsto dal piano regolatore?

Un saluto a tutti gli architetti! Sono interessato all'acquisto di un terreno edificabile confinante con un altro di mia proprietà. L'area è circa 2000 mq e, secondo le norme tecniche del mio comune, l'edificabilità è 1,5 mc/mq. Chiedendo un po' in giro, ho scoperto che vent'anni fa il terreno apparteneva a un appaltatore che nelle vicinanze, su un terreno poco più grande, ha costruito dieci villette a schiera. La mia intenzione sarebbe quella di costruire due ville gemelle con giardino di dimensioni generose ma non smisurate. Ciò che più mi importa è il giardino e quell'area fa proprio al caso mio. Sempre le stesse "voci" mi hanno parlato del progetto di costruire altre villette a schiera da parte dello stesso appaltatore. Progetto poi, a quanto pare, abbandonato. Prima di imbarcarmi in visure, proposte e progetti vorrei sapere se si può costruire meno di quanto previsto dal piano di zona, declassando la parte residua a terreno agricolo, con un beneficio non indifferente sul piano della tassazione e del godimento degli spazi esterni. Grazie a chi avrà la gentilezza di rispondere.
:
Certo che si può costruire di meno! Sul declassamento poi del terreno non le so dire, ma non credo sia possibile a meno di un frazionamento.
:
Quello che certamente non è possibile fare è costruire di più del piano.
:
A volte però certi piani prescrivono una quota minima di edificazione.
:
Per quanto riguarda il declassamento: si tratterebbe di una variante al piano urbanistico che viene decisa dalla politica (consiglio comunale), previa verifica della fattibilità della richiesta da un punto di vista urbanistico. Esempio: se ho un lotto edificabile circondato sui 4 lati da zone edificabili, è improbabile che il terreno rimanente possa diventare "zona agricola"; diverso discorso se il suo lotto è in continuità con una zona agricola esistente. Nella mia regione (Veneto) esiste una legge in virtù della quale i comuni fanno, più o meno una volta l'anno, un bando pubblico per raccogliere le manifestazioni di interesse di proprietari di terreni che vogliano declassarli ad agricoli. Si raccolgono le richieste, si vede se rispettano alcuni criteri come quelli che le ho descritto sopra, si fa una variante specifica allo strumento urbanistico in tal senso. Si informi con il suo comune
:
Grazie a tutti! Non resta che informarsi al Comune allora...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.