Legge Tognoli e parcheggi pertinenziali

messaggio inserito lunedì 15 giugno 2020 da archIvan

[post n° 433440]

Legge Tognoli e parcheggi pertinenziali

Salve a tutti. Riporto un caso studio: in un edificio realizzato nel 1981 di due piani ci vivono due famiglie. Hanno un cortile in comune. La famiglia del piano primo vuole ampliare il lastrico solare di sua proprietà. I volumi in ampliamento sono 150mc. Per la legge Tognoli, la famiglia deve reperire 15mq da destinare a parcheggi. Ora, nel cortile voi cerchereste esclusivamente questi 15mq oppure rifareste il calcolo dell'intero stabile (600mc) e cerchereste 75mq di parcheggio?
:
Il calcolo dei parcheggi deve tener conto solo della superficie ampliata.
:
L'AMP determina per la sola propria quota il reperimento dei parcheggi, in quanto per la parte esistente si intende già assolta.
:
Ma nella realtà gli altri parcheggi non sono mai stati reperiti in quanto l'edificio è stato edificato prima del 1989. All'interno del cortile, allo stato attuale, potrei recuperare 20mq da destinare a parcheggio e non 75mq totali (presenza di alberature). Quindi, di fatto, l'intero edificio non ha la superficie adibita a parcheggio
:
In tal caso, alcune regioni consentono con apposite leggi la 《monetizzazione》 dei parcheggi privati.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.