Accatastamento si o no?

messaggio inserito sabato 4 luglio 2020 da ArchiNoStar

[post n° 434082]

Accatastamento si o no?

Buonasera a tutti nel caso di un incarico per accatastamento sono tenuto a verificare la regolarità dell'immobile? un cliente vorrebbe che accatastassi alcune unità realizzate abusivamente, in particolare un garage ed una sopraelevazione; corro dei rischi accatastandoli?
:
L'accatatastamento è una pratica che riguarda esclusivamente il fisco e che non certifica la regolarità urbanistica di un immobile.
:
La pratica di «Aggiornamento degli Atti Catastali» formalizza esclusivamente delle esigenze fiscali, determinando insussistenza probatoria dal punto di vista della proprietà (sempre e comunque) e sopratutto della legittimità/conformità edilizia (salvo rare, anzi rarissime eccezioni).

Purtuttavia è utile ricordare che è bene che ogni variazione (qualora rilevante dal punto di vista giuridico-amministrativo) sia accompagnata dagli estremi del titolo/comunicazione/autorizzazione che ne ha determinato il ricorso: in mancanza di tali informazioni viene meno il concetto generale di motivazione della variazione e pertanto, secondo me, questo comporta ad una invalidità dell'atto ed anche l'implicita responsabilità del tecnico che, esercitando una pubblica necessità, andrebbe comunque incontro a sanzioni penali per dichiarazioni non veritiere ed omissioni (falso in atto).

Per quanto invece non sia obbligo la verifica della regolarità ai fini dell'accatastamento, dovrebbe essere comunque una buona prassi, sopratutto per la tutela personale e professionale...
:
Scusa archspf perchè parli di "sanzioni penali per dichiarazioni non veritiere ed omissioni (falso in atto)"? nell'atto di accatastamento non bisogna riportare il titolo abilitativo ma solo riportare l'anno di realizzazione, pertanto non dichiarerei il falso. Tra l'altro, come ha detto anche gioma, l'accatastamento non certifica la regolarità urbanistica.
:
Intendo nel momento in cui si provvede a depositare una planimetria o sua variazione che non fa riferimento ad autorizzazioni urbanistiche quando necessarie. Il fatto di indicare il titolo edilizio di provenienza nella relazione tecnica del Docfa, oltre ad essere buona prassi, è anche un obbligo, perlomeno nell'area territoriale ove opero (Lazio).
:
il catasto riguarda solo il fisco. Quindi i proprietari di fabbricati benchè abusivi sono tenuti a pagare le tasse. Nella lettera d'incarico il tecnico specifica di non essere stato incaricato di verifiche edilizie ed urbanistiche e di aver edotto il cliente che l'accatastamento non regolarizza eventuali difformità edilizie.
:
Devi capire perchè ti è stato richiesto questo accatastamento. Catasto vuol dire fisco, come ti hanno spiegato i colleghi, e non penso a nessuno faccia piacere pagare delle tasse su qualcosa che potrebbe essere demolito.
Pertanto, può essere che il cliente ti abbia chiesto questo accatastamento a seguito di una procedura giudiziaria nei suoi confronti (in questo caso viene richiesto anche il deposito strutturale).
Quindi tutto lecito, tu faresti il tuo lavoro e non avresti alcun problema.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.