Cappotto Termico Esecuzione

messaggio inserito lunedì 17 agosto 2020 da Mico22

[post n° 435539]

Cappotto Termico Esecuzione

Buongiorno,
Ho affidato ad un Architetto la direzione lavori per un Cappotto Termico, da eseguire alla mia casa privata. Ho dei grossi dubbi che tutto il lavoro venga eseguito correttamente in quanto i pannelli sono stati messi uno sopra l'altro e non sfalsati. Inoltre in alcuni punti hanno lasciato grosse fughe fra un pannello e l'altro che riempiranno di collante schiumogeno. Ho dei grossi dubbi che il lavoro venga svolto alla perfezione e che il risultato sia duraturo negli anni.
Cosa posso fare per tutelarmi in caso di difetti futuri?
Chi ne risponderà principalmente, l'Architetto o l' Impresa?
Grazie

:
Il tecnico risponde rispetto alle mansioni e ruoli affidategli, fermo restando che il rapporto committente-professionista dovrebbe contare sulla fiducia e sulla competenza. Inoltre se non dipende da precise disposizioni (o errori di progettazione), il tecnico non può essere ritenuto responsabile di difetti dell'opera occulti. La circostanza non mi sembra però rientrare in questo caso, visto che la constatazione può avvenire "a carte scoperte".
L'appaltatore risponde dei danni cagionati da negligenza o cattiva esecuzione (vizi), secondo codice civile.
:
A tratti parla al futuro a tratti al presente, non è chiaro se i lavori sono già stati eseguiti o meno
:
Diciamo che il Direttore si è preso una pausa estiva di vacanza ed i lavori sono andati avanti senza la sua presenza e controllo, gli errori sono nella posa e nel procedimento della posa dei pannelli. Non ho idea se verranno fuori dei problemi più avantie e fra quanto tempo. Parlo per ipotesi probabile.
:
Quoto tutto quanto quello detto dal collega. Quello che puoi fare e fotografare ora che il cappotto non è completo e chiedere al D.L in forma scritta se ha vigilato sulla posa secondo uni 11715 o manuale cortexa ed eventualmente di intervenire con l'impresa affinché sia posato in maniera corretta. Se si constata un probabile errore è meglio intervenire subito che ad appalto completo e sal pagati.
:
Dubito che tutto questo sia stato fatto..... Volevo far intervenire un tecnico competente, x verificare il tutto, prima di procedere con le fasi finali del lavoro, visto che già sollecitano il pagamento.
A chi posso rivolgermi e dove lo trovo questo Tecnico adesso in pieno Agosto?
:
Deve prima indicare al D.L. incaricato quanto constatato e richiedergli di verificare, il tutto sempre in forma scritta, mai [solo] verbale. Se il tecnico mostra inerzia, dovrà sollecitare formalmente tramite pec o raccomandata. Una volta accertata l'inadempienza (trascorso un congruo periodo affinché il professionista si possa uniformare) potrà chiedere la rescissione della lettera di incarico professionale (che spero avrà sottoscritto) saldando solo quanto effettivamente espletato.
Solo a quel punto potrà incaricare un altro tecnico per proseguire con le opere.
:
Che storia assurda e che disastro.
I pannelli sono gia stati quasi tutti inseriti, e poi cosa faccio ? rimangono ancora in attesa per chissà quanto tempo in queste condizioni, in attesa che io trovi altro D.L. che abbia voglia di continuare il lavoro precedentemente iniziato? E ripagare nuovamenbte altro D.L. e se i pannelli sono stati erroneamente posizionati, bisogna toglierli ma se lo immagina il lavoro? e l'Impresa? Potrebbe anche rifiutarsi di continuare il lavoro e procedere.......
A fine lavoro l'impresa non dovrebbe rilasciarmi a garanzia una Certificazione per la posa del Cappotto avvenuta a regola d'arte?
:
scusi, lei che titolo ha per affermare con tanta sicumera che i lavori sono stati mal eseguiti? ha fatto quello che i colleghi le hanno consigliato di fare? il suo tecnico ha già manifestato inerzia? ha già verificato danni? il DL ha il potere di imporre alla ditta di rimediare a sue spese ai lavori mal eseguiti: guardi che fare la dierzione lavori non vuol dire essere rpesenti in cantiere tutto il giorno tutti i giorni come una maestra d'asilo che deve pulire il moccio a dei treenni. significa impartire le disposizioni corrette, vigilare, presenziare, ma se la ditta sbaglia ne risponde lei.
se la risposta a tutto è no a tutte le domande, a me pare solo che lei stia cercando la scappatoia per non pagare il suo tecnico
:
Vorrei trovare un tecnico che possa verificare solo l'efficacia del lavoro eseguito. Dove lo trovo?
Il sig. Architetto si è tutelato prendendo la sua parcella più alta già in anticipo e non l'ho mai visto in cantiere da quando hanno messo il ponteggio.
:
La deontologia regola i rapporti interni tra i colleghi al TITOLO V, art. 19. Quello che lei chiede, essendo un cantiere ancora in opera, per noi professionisti è un subentro che segue un iter preciso. Molto brevemente lei dovrebbe chiudere il rapporto col vecchio professionista, i professionisti dovrebbero avere un contraddittorio, dovrebbe aprire uno nuovo rapporto con il professionista subentrate con annessa lettera d'incarico ed onorario da concordare.
Sulla fase operativa, se c'è una D.L. seria ed un contratto serio la ditta è tenuta a seguire le direttive impartite dalla D.L. e fare il lavoro alla regola dell'arte anche perchè altrimenti non vede i soldi e soprattutto risponde del lavoro mal fatto.
Sulla sua vicenda personale non mi sento di dare giudizi dal momento che mancano i presupposti per stabilire se la responsabilità è della D.L. o della ditta e se effettivamente i lavori sono stati, finora, fatti bene o male.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.