SCIA art 37 e inizio lavori

messaggio inserito mercoledì 5 gennaio 2022 da LittleArch

LittleArch : [post n° 455350]

SCIA art 37 e inizio lavori

Salve a tutti,
è la prima volta che mi capita una casistica del genere.
Il cliente ha delle difformità interne ed in prospetto (sanabili con una SCIA art. 37 DPR380/01) e contestualmente dovrebbe realizzare delle opere murarie interne.

Come devo procedere? Presento prima una SCIA per la sanatoria delle difformità e poi una CILA per le opere interne che deve realizzare oppure posso fare un unico procedimento e quindi chiedere la sanatoria con contestuale inizio lavori?

Grazie a tutti.
archspf :
Si sana sempre prima la situazione e poi a conclusione o consolidamento dell'iter si procede con nuova pratica. Per dubbi consultare i numerosi post sull'argomento.
ArchiFish :
Personalmente eviterei il titolo edilizio unico, in favore di due pratiche distinte. E' pur vero che esiste la "sanatoria con opere", ma la ascriverei ai casi in cui si debbano ripristinare abusi non sanabili e contestualmente regolarizzarne altri.
Gli U.T. comunali, il più delle volte, sono delle bombe ad orologeria; complicargli la vita, significa innescarle.
Senza considerare, poi, che da un punto di vista del rigore logico, della "pulizia" procedurale e della semplicità a prova di idiota, è sempre meglio sanare e poi partire con eventuali interventi da uno stato legittimo perfettamente allineato a quello di fatto.
LittleArch :
Però seguendo il modello unico, mi permette di segnalare l'inizio lavori (le nuove partizioni che deve realizzare) e dopo di segnalare anche che lo stato attuale è in difformità al titolo precedente.
Adam Richman :
Nel Comune in cui lavoro non accettiamo accertamenti di conformità con opere. Ma francamente non conosco il riferimento normativo a supporto di questa prassi
LittleArch :
E per quanto riguarda l’agibilità (SCA), dovrei farne due o posso farla unica a chiusura lavori?
Adam Richman :
Confrontati con il tecnico comunale, comunque in caso di sanatoria propedeutica ad un intervento immediatamente successivo solitamente si accetta che la SCA sia fatta a fine lavori; talvolta si chiede una dichiarazione di impegno a fine sanatoria, affinché rimanga traccia che il tema è stato valutato. Non so dirti invece se anche per l'aggiornamento catastale (visto che ha implicazioni fiscali) vada bene procedere a fine lavori o sia necessario farlo anche a fine sanatoria
LittleArch :
Chiederò al comune, grazie.
Anche se io presumo si possa fare unica SCA, magari presentando la CILA entro i 15 giorni post sanatoria. Per quanto riguarda il catasto avevano gia fatto variazione catastale senza pratica all’epoca dell’abuso…
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.