Archiviazione volontaria per mancato pagamento

messaggio inserito mercoledì 19 gennaio 2022 da kajinnn

kajinnn : [post n° 455966]

Archiviazione volontaria per mancato pagamento

Un saluto a tutti.
Sinceramente è la prima volta che mi capita, ma si potrebbe far archiviare volontariamente una pratica (agibilità nel mio caso) in quanto il cliente non ha rispettato gli accordi per il pagamento del mio corrispettivo? Ovviamente la pratica, una volta saldato il tutto, verrà ri-presentata.

Voi come vi comportereste?
ponteggiroma :
non puoi farlo tu, deve farlo il committente. Al massimo puoi dimetterti dall'incarico.
kajinnn :
L'incarico è completo. Mi deve pagare la restante percentuale dell'incarico per ultimazione lavori. Mi ha dato un acconto per "presentare" l'agibilità ed ora son fermo praticamente.
ponteggiroma :
ricorri alle vie legali, vai a minacciarlo sotto casa, bucagli le gomme, fai come ti pare, ma non puoi fare archiviare una pratica intestata al committente
kajinnn :
Ma se io sono il delegato alla presentazione?
ponteggiroma :
ah, vabbuò va,
qui si danno consigli, se li accetti bene, altrimenti fai come preferisci.
kajinnn :
Non capisco la tua risposta scollegata dalla mia semplice domanda.. ma va bene così. Grazie
ponteggiroma :
allora, domandina semplice semplice: il certificato di agibilità "per legge" lo può richiedere il professionista o il proprietario?
kajinnn :
Ovvio che il proprietario dell’immobile può richiedere i vari titoli edilizi. Su questo non ci piove. Pensavo che almeno la delega alla presentazione potesse farmi dire “attenzione ho commesso qualsivoglia errore e voglio archiviare la pratica”. Ignoravo il fatto, perché sinceramente in 8 anni di attività non mi è mai capitato, che debba essere richiesto esclusivamente dall’avente titolo e non - ad esempio - dal professionista che puta caso si sia accorto dì difformità rilevanti post pratica o altre diavolerie. Relativo al mio caso, invece, gli ordini a livello nazionale sapevo volevano mettere la dimostrazione del compenso che accompagnava le pratiche comunali così da certificare, e all’occorrenza, stoppare eventuali pratiche che non abbiano ricevuto il giusto saldo delle spettanze. Ora se mi dici che siamo così indietro che il professionista non ha nulla in mano e debba per forza passare per vie legali mi dai enorme sconforto. Questo perché anche se io ho tutte le carte in regola: passare per vie legali starebbe a significare di vedere quanto mi spetta tra diverso tempo. Se non anni.
L’unico mio grande errore? non aver contato la mora ogni giorno di ritardo dal saldo.
ponteggiroma :
"gli ordini a livello nazionale sapevo volevano mettere la dimostrazione del compenso che accompagnava le pratiche comunali "... Seee campa cavallo!
Non conosco i termini giuridici, ma di una cosa sono certo: non puoi assolutamente ed in nessun modo far archiviare una pratica al posto del committente, rischieresti una denuncia da parte dello stesso che ti ricorderesti per il resto della tua vita
Adam Richman :
A livello nazionale non so, ma in Piemonte c'è l'art. 140 della L.R. 19/2018 che regola la relazione tra pratiche edilizie e pagamento dei professionisti. Nella realtà però anche qui pochi Comuni vincolano realmente il buon esito della pratica alla dichiarazione del professionista di essere stato pagato
desnip :
Azz... allora per una volta in Campania siamo avanti. Qui se non alleghi l'attestazione di aver ricevuto il compenso all'atto della presentazione, la pratica non va proprio avanti.
ponteggiroma :
@desnip, decisamente!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.