Geometra onesto?

messaggio inserito lunedì 23 maggio 2022 da Luciano

Luciano : [post n° 461341]

Geometra onesto?

Buon giorno, 4 mesi fà ho chiamato il geometra per la Cila per una manutenzione straordinaria del recinto in quanto dovevo installare un piccolo cancelletto. Il geometra mi risponde che nel mio comune lui non è ben visto e quindi con tanta pazienza mi faccio carico io di determinate cose. Appuntamento con il comune, fatto le varie richieste e portato il geometra del comune per il sopralluogo. Passato dal mio geometra preso i vari disegni e portati io stesso dal comune per farli timbrare e validare. In tutto questo il geometra ha fatto solo il progetto del cancello al PC. Adesso mi chiede in fattura 500 euro più Iva per il lavoro svolto. Quando gli ho detto che i vari giri per comune e documenti gli ho fatti io e non mi sembrava giusta quella cifra mi ha risposto che non conta nulla ciò che ho fatto io e che lui vuoi quella somma. Mi posso appellare a qualcosa? E un comportamento corretto per un geometra?
Davide C. :
Caro Luciano, avresti dovuto chiedere un preventivo e sottoscrivere un contratto, prima di ogni cosa. In secondo luogo, la parte di lavoro che hai fatto è stata certamente di aiuto al geometra, ma quello che tu chiami "solo il progetto del cancello al PC" comporta competenza e soprattutto responsabilità (firma sulla pratica edilizia in comune). Ovviamente il geometra avrebbe potuto fare di più, ma non mi sembra il caso di "appellarsi" a qualcosa.
archspf :
A prescindere che di norma la richiesta al comune è a nome dell'interessato e pertanto la consegna effettuata tramite procura conferita al professionista è solo una prassi per reciproca convenienza in termini di tempo. Quello che i committenti non capiscono anche quando vengono a studio dicendo che "ho già i disegni", è che del tempo speso per fare "solo il progetto del cancello al PC" e spesso del valore intrinseco che vorreste attribuire agli stessi "disegni", non ve ne fareste nulla se a monte non c'è un timbro ed una firma. Peccato che questi ultimi rappresentano responsabilità civili e penali per le quali il collega le ha chiesto l'equivalente di un rimborso spese....
Adam Richman :
Concordo con gli interventi precedenti, e comunque 500€ per una cila sono un buon prezzo. Direi congruo rispetto a quanto ha descritto
Luciano :
Il problema non sono i soldi. Se il lavoro e ben fatto in pagherei anche 1000 euro. A me infastidisce che il geometra in questione non si è mosso dall'ufficio. La richiesta la presentazione dei documenti ecc.. al comune e stata effettuata da me perché come dice lui in quel comune non lo fanno entrare per cause vecchie. Il file col progetto sulla chiavetta son dovuto andare io al centro stampa per farlo perché diceva che era incasinato e non poteva provvedere lui. Ovviamente tutto a spese mie. Per me qui entra in ballo la serietà della persona. Che al momento in cui ho chiesto il dettaglio spese mi ha messo in fattura le ore dedicate al comune e il costo delle stampe.
Anna64 :
Il punto è che per fare quei "disegni" ha dovuto fare delle verifiche normative sullo stato di fatto e su come articolare l'intervento, inoltre un rilievo ed un progetto che rispondesse alle normative ed alla sicurezza pubblica e privata. Francamente 500 euro sono davvero più che onesti da parte del geometra, direi un favore che ti ha fatto in amicizia, per questo ti ha chiesto di fare determinate cose. Io non capisco perchè sono tutti disposti a spendere 150 euro per una visita medica di 10 minuti, talvolta da ripetere da altri specialisti e non 500 euro per delle pratiche che comportano responsabilità più grandi di una visita medica: se il cancello si apre nella direzione sbagliata e qualcuno si fa male, tu dopo da chi vai a pretendere il risarcimento?
unfor :
Ti ha chiesto fin troppo poco, avrebbe potuto chiederti tre volte quella cifra
Luciano :
Si certo, con le foto dell'immobile prese da Google con tanto di scritta Google in trasparenza. E con tutte le commesse fatte da me. E con i vari msg ricevuti dove di diceva che dovevo passare io in comune perché a lui non lo facevano entrare. E poi mi tocca pagare pure la percentuale sulla cassa ingegneri. Signori io capisco che dovete difendere la vostra categoria ma per carità adesso non esageriamo. Non è un progetto di una casa di un fabbricato. E un progetto di un cancelletto di un metro su di una recinzione già esistente.
archspf :
Difendiamo il fatto che per mettere la firma sul pezzo di carta che peraltro serve a lei e non certo al geometra, occorre un titolo, essere iscritti e pagare il proprio ordine, possedere e pagare una assicurazione professionale, pagare la previdenza ecc.
Se davvero crede che la parcella tenga conto di una stampa e del tempo perso per protocollare la pratica in comune, non ha proprio chiaro quale sia il nostro ruolo e le competenze per svolgerlo.

Se poi è la classica scusa per non pagare nemmeno il titolo che serve per poter mettere la firma...che dire, non è il primo nè purtroppo l'ultimo.
Luciano :
Ancora con il pagare. Io ho già pagato. Nel momento in cui mi è stata data la fattura ho pagato. Non metto il risalto il costo. Metto in discussione la serietà dell'operato e il facilismo dell'individuo. Cmq grazie mille per la discussione.
Adam Richman :
Dal suo racconto il geometra non si è certamente distinto per professionalità e trasparenza; del resto un professionista che è in pessimi rapporti con un ente non si presenta benissimo... Resta il fatto che ha efficacemente predisposto e firmato la pratica (usando le proprie competenze e prendendosi responsabilità, come detto da altri) e che se avesse svolto in prima persona tutte le attività la parcella avrebbe potuto facilmente superare i 1.000€. Quindi la mia considerazione cerchiobottista è: 500€ appaiono congrui rispetto al lavoro svolto, non la sta spennando; vista l'esperienza (direi comprensibilmente) insoddisfacente tiri un linea sopra al geometra, e se lo dimentichi; per il futuro si cerchi un professionista più serio e soprattutto mettete in chiaro fin da subito (mediante contratto scritto) i termini dell'incarico. Il contributo per la cassa ingegneri/architetti/geometri fa sempre parte dell'importo dovuto ai professionisti, non è uno sfizio o un dispetto da corporazione.
davide :
Luciano, lei ha avuto bisogno del professionista, senza del quale avrebbe potuto agire solo facendo opere in modo abusivo. Se ne momento in cui il geometra le ha detto che non lo facevano entrare in Comune, lei avrebbe cercato altro professionista, non ci sarebbero stati problemi. Siamo in tanti, ognuno lavora a modo suo.
Per la percentuale sulla cassa, mi spiace ma si chiamano tasse e noi ci guadagnamo nulla.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.