visto di conformità

messaggio inserito mercoledì 8 giugno 2022 da conformità

conformità : [post n° 461943]

visto di conformità

Buongiorno, per lavori di ristrutturazione avviato studio di conformità su villetta a schiera residenziale senza parti comuni, concessione edilizia del 88 e abitabilità del 91.
Riscontrate porte dei bagni e della cucina da 70 che secondo la legge 13 del 89 non sono a norma, per rilasciare il visto di conformità mi è stato detto di demolire le porte e installarle da 80 cm. prima dell'avvio lavori.
E' corretto anche in edilizia privata già esistente? L'unica soluzione è demolire tutto?
archspf :
Tecnicamente è del tutto fuori luogo dal momento che la costruzione è antecedente (concessione) la legge citata.
conformità :
Esattamente quello che penso io, anche se il fine lavori è successivo alla legge il progetto approvato è antecedente, mi risponde che lui deve dichiarare che la casa sia a norma con le leggi attuali.
Credo stia accampando scuse per non fare i lavori al 110 ma non mi permettono di fare la conformità con un altro professionista.
Esiste qualcosa di scritto con cui contestarlo?
archspf :
Ogni costruzione segue le norme del proprio tempo. E questo è un dato oggettivo.
Il 110 si può fare a prescindere dell'agibilità e delle conformità urbanistica.

Che centra poi il visto di conformità che è materia fiscale con l'eventuale regolarità edilizia che può essere attestata solo da un tecnico?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.