domanda:

messaggio inserito venerdì 25 marzo 2005 da Fede

Fede : [post n° 46420]

domanda:

La planimetria per una variazione catastale in seguito a modifiche interne è meglio che sia fedele al progetto della DIA oppure alla realtà? Mi spiego: secondo regolamento edilizio era obbligatorio mettere una porta tra cucina e disimpegno/antibagno (che è stata disegnata nel progetto)ma che che in realtà non è stata messa.
Grazie e buona Pasqua a tutti!!!
antonio :
nella planimetria per la variazione catastale devi mettere lo stato finale in cui si trova la casa che deve essere uguale all'ultima pratica presentata. Partendo dal presupposto che avresti dovuto mettere la porta e quindi sei già sanzionabile, se ora non metti la porta dichiari che non hai rispettato il progetto della dia. ti conviene mettere la planimetria della dia ( non potendo fare una variante per problemi di regolamento edilizio) anche se dichiari il falso. la porta i proprietari potrebbero averla tolta in seguito alla tua fine lavori.
laurark :
a parte questo caso della porta, considera che nella catastale vanno messi SOLO i muri.
ad esempio e hai un arredo fisso o una vetrata che serve per le regole edilizie non devo metterla nel catastale.
almeno questo mi dice che mi fa i catastali di solito.
sono due ambiti distinti.
se le pareti non in legno non vanno messe ad esempio.
ciao
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.