CILA

messaggio inserito martedì 6 settembre 2022 da Arch jr

Arch jr : [post n° 464425]

CILA

Salve a tutti, mi sto occupando della ristrutturazione di un immobile, ho effettuato un rilievo e riportato la pianta dello stato di fatto, ma l'unica planimetria che mi è stata data è quella catastale contenuta nell'atto di compravendita, la catastale coincide sostanzialmente con lo stato di fatto, posso procedere con la pratica o dovrei prima accertarmi che sia regolare? Grazie in anticipo
archspf :
E' evidente che ti manchino le basi della prassi e della normativa: occorre studiarsi l'articolo 9-bis DPR 380/2001 e cercare informazioni sul concetto di "legittimità della preesistenza".
In urbanistica (fatte salve rarissime eccezioni) la planimetria catastale non ha alcun valore probatorio.
Inizierei da qui: www.archiparlare.it/legittimita-conformita-edilizia-urbanistica-pree…
Semola82 :
Ciao!
Purtroppo la planimetria catastale non ha valenza ai fini urbanistici, ti consiglio di fare una richiesta accesso atti nel comune di appartenenza, nell'atto di compravendita dovrebbe essere citata un titolo abilitativo (permesso, concessione, dia, licenza ecc...) che dovrai richiedere al Comune.
Davide C. :
arch. jr, la risposta è già nella tua domanda: "devo verificare che sia regoalre?" secondo te è possibile lavorare se non è regolare? dopo tutto il casino che il bonus ha tirato in piedi?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.