serve il Piano Di Sicurezza?

messaggio inserito domenica 24 aprile 2005 da Chia

Chia : [post n° 48664]

serve il Piano Di Sicurezza?

Ciao! ho bosogno urgente di sciogliermi un dubbio:
x un favore ad un amico -architetto ma non iscritto all'Ordine-, che deve fare dei lavori a casa propria, mi è stato chiesto di firmare una DIA per Manutenzione Straordinaria (aggiunta di cappotto su mueri esterni, ripristino intonaci e ritinteggiatura).
Devo ancora valutare la documentazione (già preparata da lui), ma mi è sorto un dubbio:
anche in questo caso è necessario un Piano di Sicurezza?(i lavori sarebbero al di sopra dei 2m di altezza, ma si risolverebbero nel giro di pochi giorni, senza la presenza contemporanea di +imprese e con 1-2 addetti....)...nel caso lui nn l'abbia fatto approntare (come credo), devo farglielo presente? (ovvero, i rischi sono del committente o anche, come credo io, del Direttore dei lavori?)...anche per una questione etica mia...
grazie in anticipo!!!!
irma :
no ,solo se c'è più di una impresa
Ronin :
il PSC è obbligatorio se c'è più di un'impresa o se i lavori durano un tempo superiore ai 200 giorni-uomo
Jack :
la condizione necessaria è che ci siano almeno 2 imprese.
se c'è solo un'impresa coinvolta la durata dei lavori e la pericolosità non sono rilevanti. Il PSC è un piano di coordinamento; se c'è solo un'impresa non c'è nulla da coordinare. E' sufficiente il POS dell'impresa.
ciao
leo
Campanellino :
Cosa si intende esattamente per uomini-giorno? Sarebbe il numero di uomini presenti contemporaneamente in un giorno???

Inoltre cosa si intende per "due imprese" ? Vale anche se le imprese non lavorano in cantiere contemporaneamente ma in successione? Per "impresa" si intende anche il singolo elettricista, tinteggiatore, falegname, ecc...
Jack :
gli uomini giorno si ottengoo moltiplicando i giorni della durata del cantiere per il numero medio di uomini presenti (esempio: 3 uomini per 60gg=180 uomini/giorno)

sì, vale anche se le imprese non sono contemporaneamente presenti in cantiere; anche se in questo caso il compito del coordinatore è notevolmente semplificato

sì, anche il singolo artigiano conta come un'impresa

ciao
leo
bx :
io ho fatto così : no piano di sicurezza, ma come direttore dei lavori raccomandata a committente e impresa in cui specificavo che erano tenuti a rispettare tutte le norme vigenti di sicurezza
irma :
L'argomento è molto complesso.Innanzittutto dai in occhiata al Decreto Legislativo n.626/1994 che si applica sempre.Nei cantieri temporanei e mobili si applica anche il D.P.R 494/1996.Per poter fare un P.S.C.(piano di sicurezza e coordinamento) bisogna fare il corso di coordinatore della sicurezza durata di 120 ore etc...vedi l'art.10 494/96 requisiti professionali.Comunque l'art.3 494/96 ti chiarirà le idee(obblighi del committente o del responsabile dei lavori).
Silvia :
quindi chi non ha fatto il corso, anche per un progetto piccolo ma che richiede l'intervento di 2 imprese, deve far fare il PSC a un professionista abilitato esterno?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.