rapporti aeroilluminanti

messaggio inserito mercoledì 29 giugno 2005 da Campanellino

Campanellino : [post n° 54508]

rapporti aeroilluminanti

Non sono sicura di quali parti del serramento bisogna considerare per il calcolo dei rapporti aeroilluminanti.

Ditemi se ho capito bene:

Per la ventilazione va considerata tutta la parte apribile del serramento, quindi tutta l'anta della finestra, comprendente vetro e telaio mobile.

Invece per l'illuminazione va considerata solo la parte vetrata senza lo spessore del telaio attorno...quindi un'area minore di quella considerata per la ventilazione.

Questo vuol dire che per la DIA dovrò presentare due calcoli distinti, uno per i rapporti aeranti e uno per i rapporti illuminanti? Oppure per semplificare le cose posso considerare per entrambi solo l'area della parte vetrata, sottintendendo che se è verificato con quell'area sarà sicuramente verificato anche per l'area di tutta la parte apribile?
delli :
dove sta scritto questa storia di levare il telaio dei seramenti nel calcolo del r.i.?
mai fatto anzi, un funzionario asl mi aveva confermato che la luce architettonica del serramento è quella che si comuputa come illuminante
corretto invece l'aerante (io faccio r.a. solo quando è difforme da r.i. altrimenti non lo verifico)

bye bye
Campanellino :
Per quanto riguarda l'illuminazione nel regolamento edilizio di Milano si parla di "parti trasparenti, misurate convenzionalmente al lordo dei telai degli infissi"ù

Io per parte trasparente intenderei solo il vetro, non tutta l'anta....ma è "il lordo dei telai degli infissi" che non mi è chiaro!!! Cosa si intenderebbe pe infisso: la parte del telaio che rimane fissa, non apribile? In questo caso vorrebbe dire in effetti considerare tutta l'anta, quindi la stessa sup che si considera per l'aerante.
patti :
anch'io faccio come Delli...altrimenti non finiamo più!!!
calcolo insieme areante ed illuminante perchè spesso il limite 1/8 vale per entrambe le superfici;
dove, come a milano, non coincidono, calcolo sempre con il più restrittivo, per comodità...tranne che in casi particolari...
buon lavoro
delli :
il "lordo del telaio dell'infisso" e la parte di telaio che tiene il vetro (fisso o apribile)... se calcoli la luce architettonica, a meno di serramenti particolari, non credo che nussuno ti possa contestare la verifica
se invece hai dei serramenti con parti non vetrate molto rilevanti, allora puoi togliere dal calcolo ma le dimensioni che segni in pianta sono quelle che poi devi mettere nella tabellina dei rai
per esempio: ho fatto dei serramenti molto larghi (tipo 2-3 metri) con scuri ad antelli ripiegabili che, impacchettati sono anche 15-20 cm... ovviamente la mia luce "illuminante" mi diventa la luce del serramento e non la luce architettonica... l'importante è che il numero che metti in pianta sia anche in tabella

bye bye
patti :
ben spiegato, Delli!
non credo nemmeno che in comune a Milano ti obbligherebbero a toglierli, quei 15/20 cm dell'esempio...anche se credo che rientri nella corretta progettazione degli ambienti e del benessere di chi ci vivrà!
Campanellino :
Grazie 1000!!!!!
Ho solo un'altra domanda stupida, scusate l'insistenza ma vorrei essere sicura di aver capito tutto bene e di non fare errori: cosa intendete esattamente per "luce architettonica"?
delli :
è il buco nella parete... dove vai a montare il serramento

bye bye
delli :
ovviamente il foro sulla facciata esterna del fabbricato: quello che disegni sul prospetto perchè quello interno potrebbe essere maggiorato dalle mazzette...
bye bye
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.