PRIMO LAVORO

messaggio inserito lunedì 20 febbraio 2006 da jorge

jorge : [post n° 74930]

PRIMO LAVORO

Sono laureato da poco e finalmente ho trovato uno studio disposto ad assumermi come collaboratore esterno, dovrei firmare a breve un contratto tipo cocopro....

qualcuno può darmi qualche dritta sul tipo di contratto (pregi e defatti)? e un'idea di compenso adeguato? (inizialmente, data la poca esperienza, dovrei occuparmi principalmente di disegno tecnico)

grazie

cecco :
non ti versano i contributi per intero ma almeno si impegnano a pagarti la cifra stabilita nel contratto; praticamente se lavoreresti tutta la vita con questo contratto scopriresti tra 40 anni che la pensione sociale sarebbe maggiore del 20% circa

lorenzo :
per iniziare va bene, almeno per i primi 1-2 anni, per fare esperienza.
Mai ingabbiarsi in contratti di questo tipo, altrimenti scatta quello che ha detto cecco (pensione da fame)
jorge :
certo, condivido in pieno, ovviamente sitratta di una sistemazione momentanea che mi permetterebbe di cominciare a fare esperienza.... il mio dubbio è avere una idea di cosa potere chiedere come compenso, ipotizzando una cifra oraria... essendo alle prime armi non posso sparare troppo alto ma vorrei far valere anche i miei diritti..

esisterà da contratto una tariffa per questi casi, no?!
lorenzo :
questa è la classica domanda da un milione di dollari!

Ti rimando a questo link:
www.quantomipagano.com

Divertiti la.
In verità io anni fa, scoperto quanto doveva essere la mia retribuzione, non mi sono divertito affatto!
jorge :
non sono molto certo della fonte ma mi è stato detto che per un contratto a progetto da esterno il compenso minimo parte da una quota di 6,5 / 7 euro all'ora al netto; essendo una attività che momentaneamente praticherei a casa per un totale di ore 6 al giorno per 6 giorni settimanali.......

mi rendo conto che è un calcolo sommario, ma mi da una idea di cosa poter chiedere...

ovviamente per le ore di lavoro indicate non c'e nessun controllore se non me stesso e nessuna verifica se non la resa che apporto al mio datore..
cecco :
non sapendo quali sono le tue capacita' e' difficile dire un prezzo, certo che dando un valore al tuo tempo dai un valore a te stesso. Se scendi troppo sotto dopo il primo stipendio enterai in depressione, perche potresti avere amare sorprese (pochi soldi).
se spari altopuoi sempre fare un ribasso, (considera che lo fanno anche le ditte negli appalti pubblici) nel caso il tuo datore di lavoro abbia espressioni facciali leggermente alterate.
Avvertenza: se la cassiera di panorama non laureata guadagna piu' di te inizia a preoccuparti
jorge :
ok, ho recepito il messaggio
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.