compenso orario per docenza

messaggio inserito venerdì 25 febbraio 2011 da Perri

Perri : [post n° 255822]

compenso orario per docenza

Buongiornoa tutti.
Ho bisogno di un consiglio per l'eventuale mia partecipazione come docente ad alcuni corsi organizzati da un ente formativo privato.
Che paga oraia lorda dovrei chiedere?
Tenete presente che ho aderito al regime dei minimi e che nello studio con cui collaboro part-time dopo 6 anni di duro lavoro sono arrivata ad essere pagata 10.50 euro lordi/h.
Io pensavo 20 Euro, cioè il doppio di quanto percepisco nello studio. Troppo, troppo poco?
siland :
Io ho insegnato in alcuni corsi finanziati dal fondo sociale europeo l'anno scorso e dovrei prendere circa 35 euro all'ora. Dovrei, perchè la regione deve ancora pagare (corsi finiti a dicembre dell'anno scorso....)
nikosky :
ciao perri...io ho fatto molti corsi per una struttura privata.
consiederando il fuori città e la specializzazione del corso (3d base e avanzato) nonchè il numero di partecipanti (min. 25) mi davano 100€/h e avevo un minimo di 4 ore e una spesa di 30 h al giorno (treno per 2 ore).
l'offerta non si poteva rifiutare ovviamente ma se sei in zona e non devi prendere milleilioni di mezzi io mi attesterei tra i 50/70€ ora visto che si trata di un privato.
considera di certo che c'è qualcuno che lavorerà anche a 25 ma nella vita a volte bisogna scegliere.
io a 25€/h lavoro nel mio studio (cioè la gente viene a fare lezione qui e non rilascio attestati o cose varie)
Perri :
Intanto grazie per le vostre info.
Allora ci siamo accordati per 20 euro/h. C'è da considerare che i corsi sono più di uno e mi accorpano le lezioni in modo fa fare pochi viaggi. Non sono corsi approfonditi che richiedono una specializzazione particlare. Dei cenni sulla sicurezza sul lavoro. Nel frattempo ho telefonato alla mia commercialista che insegna a corsi privati e mi ha confermato che anche lei non prende più di 20/25 euro/h. Idem una collega che si occupa solo di sicurezza. Probabilmente nella zona in cui opero le tariffe sono ormai scese a questi livelli.
nikosky :
eh si immagino come vadano le cose...ecco perchè tutti gli altri professionisti a 40 anni hanno:
- auto di proprietà di media grossa cilindrata
- casa di proprietà
- studio o officina di proprietà

se consideriamo che il meccanico (senza nulla togliere alla sua professionalità) prende 37€/h+iva circa(spiccio più spiccio meno) i 20€/h non sono niente male!!

:)

ma pensa che gentili, ti accorpano anche le ore!!!
davvero buoni...quanto chiedono per i corsi che andrai a svolgere ad ogni persona?

non per fare polemica, fai bene ad accettare anche perchè rifiutare vorrebbe solo dire lasciare il posto ad un altro ma questa è la triste realtà italiana...ah dimenticavo il mese scorso sono andato da un professionista (medico)
30 min di pseudo visita = 200€+iva questi si che son numeri e pensare che sono andato io nel suo studio!!!!!

ciao ragassuoli, restiamo uniti!!! !P
Perri :
Ti do ragione.
Non prendo il tuo intervento come una polemica ma come un'analisi della realtà in cui ci troviamo a lavorare.
Tanto per precisare la professionista prima di me al colloquio chiedeva 15Euro.
La cosa che più mi irrita non sono tanto i 15 euro che chiedeva la professionista prima di me (psicologa) ma sono i 10.50 euro che prendo io nello studio dove collaboro. E per dirla tutta alcuni miei colleghi mi dicono che sono già ben pagata visto che loro con la mia stessa esperienza arrivano a 8 E/ora (ovviamente lordi). Addirittura!!!!
Mi sono posta il problema se accettare o no i 20 E/h come in questo periodo mi sto ponendo il problema se continuare a 10.50 e/h nello studio, mi sento spesso un concorrente sleale nei confronti dei miei colleghi e demotivata . Ma il punto è se accetto di lavorare nello studio per 10.50 e/h accetto anche di lavorare a 20 e/h. E in più devo fare i conti anche con il fatto che ho un bambino piccolo da far crescere, bollette da pagare, etc...Sono ricattabile e in questo senso debole. Per pagare i contributi inarcassa ho lavorato fino al 23 giugno e il 4 luglio ho partorito....perchè non posso contare sull'aiuto di nessuno economicamente. Qusto è solo un esempio.Quindi la mia diatriba interiore giornaliera continua....e non so spesso che scelte fare. Da una parte il valore del mio lavoro, della mia professionalità spesso offesa dai miei miseri guadagni e dall'altra la necessità di tirare a campare.
Ma come leggo spesso nel forum sono in buona compagnia, purtroppo. E questo aumenta il mio sconforto.
Scusate la lungaggine ....
nikosky :
siamo messi malissimo!
www.inarsind.org/?p=1437

Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.