Un architetto può fatturare come lavoratore occasionale?

messaggio inserito giovedì 9 febbraio 2012 da kappaesse

[post n° 282983]

Un architetto può fatturare come lavoratore occasionale?

Salve colleghi,
vi sottopongo due dilemmi.
Come architetto ho avuto la partita Iva solo un anno nel 2009, poi - visto che le spese avrebbero superato di troppo gli introiti, l'ho chiusa e non l'ho più riaperta. Da allora ho fatto alcune piccole pratiche nel 2010 e nessuna nel 2011. Quest'anno ho ancora alcuni lavori da fare, per un totale previsto di circa 1500 euro. Sapete se posso evitare di aprire la partita Iva e fatturarli come lavori occasionali? Mi dicevano che il contratto di lavoro occasionale non può essere applicato per i liberi professionisti e che va bene solo per le pratiche che non richiedono la firma... Il fatto è che, se apro la partita Iva, rischio di non pagarmi neanche le spese. O.o!!

Un'altra domanda: sono incinta, avrei comunque diritto all'indennizzo Inarcassa anche se nel 2010 non ero iscritta?
Grazie a tutti!
:
Il termine "fatturare" è improprio perchè la fattura la fa chi ha una p.iva e tu mi par di capire non ce l'hai. La prestazione occasionale per iscritti ad un ordine è vietata (legge Biagi) per lavori inerenti. Se fai la dog sytter invece va bene.
:
Per quanto riguarda il diritto all'indennizzo per maternità erogato da inarcassa penso proprio che tu non ne abbia diritto se è dal 2010 che non sei più iscritta.
:
Grazie mille Kia, sei stata chiarissima : ).

Ho fatto una ricerca qui sul forum sul tema "lavoro occasionale" ed effettivamente vedo che se ne dibatte tanto, ma non sempre con questa chiarezza, complimenti ; ).
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.