Partita Iva? inarcassa?

messaggio inserito domenica 16 giugno 2013 da Massimo

[post n° 319581]

Partita Iva? inarcassa?

Buonasera, avendo per la prima volta firmato e timbrato il mio primo progettino, avrei bisogno di sapere come comportarmi a livello Fiscale.... Sono a conoscenza che entro i 5.000 euro annui non bisogna aprire la partita iva ma per il resto cosa bisogna fare in questi casi???
:
a livello fiscale ti apri p.iva come fanno tutti e a livello contributivo ti iscrivi a inarcassa. La faccenda dei 5000 euro non è applicabile ai liberi professinisti iscritti a albo (vedi legge biagi art.61 dove è chiaramente detta questa cosa).
:
Ti hanno informato male, per firmare devi avere p.iva.
I 5k si riferiscono alle ritenute d'acconto che non puoi fare se l'oggetto dell'attività richiede iscrizione a un ordine professionale.
:
il bello è che prima si firma e timbra "il progettino" e poi ci si preoccupa di come fare a livello fiscale.....
:
KIA, A livello fiscale mi sono preoccupato prima di prendermi l'abilitazione se la metti cosi.

ma Pensavo fosse normale per un giovane laureato in avvio del suo primo lavoro non pagare 2.500 euro annui di minimo tariffario INARCASSA e in più la percentuale di IVA.

Considerando che è il mio primo "PROGETTINO" e non prevedo quando ci sarà il secondo, a questo punto non so se il gioco vale la candela!

GIUSTO?
:
ah!ah!scusa ma per curiosità quanto pensi che guadagnino i qui presenti sul forum dotati di p.iva? e quando abbiamo aperto p.iva secondo te eravamo sicuri che sarebbero arrivati lavori tali da poter sostenere tutte le spese?
:
Sicuramente avrete avuto molte più aspettative di me, siccome io è da 2 anni che sono abilitato e ho sono riuscito a fare sono 1 lavoro!!!!
:
@ivan
diciamo che abbiamo rischiato?qua garanzie di entrate non ce n'è per nessuno. Io lavoro per uno studio e se due giorni dopo l'apertura della p.iva mi avessero lasciato a casa erano solo cavoli miei.
:
Comunque Massimo, tu hai chiesto una cosa e ti è stato risposto. Se hai delle rimostranze/osservazioni devi farle ad inarcassa e all'agenzia delle entrate. Ma dato che purtroppo funziona così, secondo me va molto ponderata la scelta di iscrizione all'ordine e quindi di possibilità di firma perchè poi scattano una serie di obblighi fiscali e contributivi. Tanto per capirci, a inarcassa e ade non frega niente se in un anno ti entra un solo lavoro o te ne entrano 10. Non c'è assolutamente distinzione. Però se dici di essere un "giovane laureato" ci sono agevolazioni se sei under 35 sia per inarcassa sia per apertura di p.iva con regime dei minimi. Più di questo non c'è. E ribadisco che uno prima di firmare alcunchè, ma anche in generale prima di iscriversi all'ordine, dovrebbe informasi meglio e valutare se è il caso. Io prima di iscrivermi ho aspettato ben 2 anni dall'abilitazione proprio perchè scattavano tutti questi adempimenti fiscali e contributivi e ho preferito evitare.
:
penso che la serie di adempimenti fiscali degli iscritti all'ordine dovrebbero essere argomento di esame di stato...
:
e qua casca l'asino! la mia domanda è: perchè l'agevolazione delle ritenute d'acconto fino a 5.000 euro non possono essere usufruite anche dai noi Liberi Professionisti! questa è la mia lamentela!!!!
:
Lamentati con lo Stato, non con noi...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.