Idee confuse sulle tasse da pagare

messaggio inserito sabato 25 febbraio 2017 da ing.a.silvestro

ing.a.silvestro : [post n° 393836]

Idee confuse sulle tasse da pagare

Salve a tutti sono un ingegnere e a gennaio ho aperto partita iva, iscritto all'ordine da dicembre 2016 e quindi da gennaio 2017 ufficialmente libero professionista... Ho aperto la partita iva con i regime forfettario con tassazione al 5% per i primi 5 anni.
Oggi mi è arrivata la ricevuta di iscrizione di inarcassa con il modulto degli importi da pagare entro il 30 settembre 2017, circa 1052 € tra soggettivo e integrativo.
Ora mi chiedo, ma io per la dichiarazione dei redditi dovrò pagare il 5 % per il forfettario più poi inarcassa ? se si come mi devo muovere? ho letto che la dichiarazione dei redditi la devo inviare ad inarcassa, ma poi come e a chi pago il 5%?
grazie a tutti
Alice :
viste le tante domande e le incertezze, ti consiglio di rivolgerti ad un commercialista.
biba :
Giustissimo il consiglio di parlare con un commercialista. Comunque tieni conto che le spese che dovrai affrontare sono di due tipi: le tasse che paghi allo stato, che vengono quantificate tramite dichiarazione dei redditi una volta all'anno; e i contributi, che invece paghi ad Inarcassa. Per questi ultimi stai tranquillo che saranno loro a venirti a dire quanto e quando devi pagare. Di solito si pagano 2 bollettini, uno entro il 30/06 e uno entro il 30/09. Poi entro ottobre ti chiederanno di fare una dichiarazione a Inarcassa (che non c'entra niente con il 5% Irpef) per l'eventuale conguaglio dei contributi, che dovrai pagare entro il 31/12.
gg :
credo che l'equivoco nasca dal fatto che le "dichiarazioni dei redditi" sono due.
La prima, la "Dichiarazione dei redditi" vera e propria, va spedita allo Stato, a cui devi il 5% forfetario di quello che hai guadagnato detratto degli oneri contributivi (Inarcassa).

La seconda dichiarazione, che riguarda quei redditi che servono per il calcolo dei Contributi Previdenziali (soggettivo e integrativo), va inviata a Inarcassa con una specifica modalità online. Vanno riportati un paio di indicazioni scritte nella Dichiarazione dei redditi, in particolare il reddito IRPEF dichiarato e il fatturato. In base ai dati che indichi, Inarcassa ti calcola se devi pagare in più rispetto ai minimi (1052 x 2).

Se hai optato per un regime forfetario non dovresti aver bisogno di un commercialista, ma solo di leggere qualche guida dell'Agenzia Entrate sull'argomento.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.