Progetto per Pubblica Amministrazione

messaggio inserito domenica 20 agosto 2017 da giupa87

giupa87 : [post n° 399925]

Progetto per Pubblica Amministrazione

Buongiorno a tutti
Vi scrivo per ricevere dei consigli visto che mi sto trovando in una situazione tutta nuova per me. Sono un ragazzo che si è laureato recentemente in architettura. Il giorno dopo la laurea sono stato contattato dall'amministrazione del mio comune di residenza (nello specifico dall'assessore all'urbanistica) a fare un incontro, in presenza del sindaco e di altri tecnici per mostrargli il mio progetto di tesi (un progetto di rigenerazione urbana sempre nel paese dove risiedo). Il progetto è piaciuto e stiamo procedendo a portarlo avanti con la stesura dei definitivi. Per il compenso mi è stato chiesto se ho la p. Iva. È qui iniziano i miei dubbi... Essendo laureato da neanche un mese ancora non sono ne abilitato e di conseguenza neanche iscritto all'albo. Chiedo a voi, qual è il modo più conveniente per ricevere questi compensi? Essendo il progetto il mio, e conoscendo pure la cifra riservata a questo lavoro, posso chiedere la percentuale sull'intero importo? Grazie a chiunque saprà chiarirmi le idee
sebastiano :
ciao, un consiglio con chi ha esperienza di incarichi pubblici e amministrazione comunale. LA prima cosa da fare è quella di redigere , prima della consegna degli elaborati progettuali, il disciplinare di incarico con gli importi relativi alla prestazione. Attenzione alla legge sugli appalti e servizi. L'amministrazione ti può dare l'incarico senza pubblicare un bando di manifestazione di interesse? informati su questo, anche perchè gli assessori e sindaci di solito fanno tutto " facile"
dagabo :
Ciao,
innanzitutto complimenti (e che fortuna!) perché farsi valorizzare la propria tesi è un ottima soddisfazione che purtroppo anche io in passato ci provai ma senza esito.

Io ti consiglierei in questo caso di affidarsi a due persone che ti sono di estrema utilità: IL COMMERCIALISTA e ARCHITETTO senior che conosci (o addirittura al tuo professore di tesi).

COMMERCIALISTA per aprire p.iva (tanto puoi aprirla e chiuderla nel caso) ma io feci subito questo passo perché comunque se le tue intenzioni sono quelle di fare il libero professionista, prima o poi, lo dovrai fare.

ARCHITETTO per avere consigli su eventuali tecniche, decisioni, insomma una collaborazione da persona più esperta (che serve sempre) anche dietro pagamento perché no!
E poi ti potrebbe anche consigliare la parcella da richiedere in tal senso perché da come ho letto puoi chiedere una bella cifra sia sul progetto redatto, sia su quello che deve essere eseguito ma soprattutto anche su possibili incarichi in fase di esecuzione.

Ovviamente a te la scelta ma il mio consiglio, oltre ad affidarti a queste due figure, è quella di supevisionare/studiare i testi unici per appalti così da verificare a cosa vai incontro.

PS. io chiederei parcella per progetto preliminare/definitivo (percentuale a tua scelta dell'importo lavori) e la possibilità di fare (anche a basso costo per esperienza) la direzione artistica dove approvi o meno le scelte/esecuzioni che saranno eseguite. Ricorda che nessuno lavora per la gloria! se puoi chiedi!!!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.