Compenso

messaggio inserito martedì 14 maggio 2019 da Marce

[post n° 421220]

Compenso

Buongiorno a tutti,
sono un architetto iscritto all'albo e ho 4 anni di esperienza.
Lavoro in uno studio come falsa partita IVA, cioè ho uno stipendio fisso per cui faccio la fattura ogni mese.
Adesso vorrei/dovrei iniziare a firmare alcune pratiche.
Secondo voi quanto dovrei chiedere al mese? Mi conviene aumentare il mio "stipendio mensile" o chiedere un bonus quando firmo?
Grazie a tutti!
:
lo sai che firmando devi fare l'assicurazione professionale?
:
la devi avere da quando ti iscrivi all'albo/Inarcassa veramente!!!
:
solo se eserciti cioè timbri. io sono iscritta ma non ho l'obbligo di assicurazione perchè lavoro nella PA e quando invece esercitavo ho fatto nel tempo diverse assicurazioni: una quando non facevo DL ma firmavo progetti e pratiche, e un'altra quando ho iniziato a fare DL.
:
Ma un conto è fare il classico "lavoro in studio" che più o meno abbiamo fatto tutti , e che magari continuiamo a fare, e un conto è firmare. A me le cose che firmo io anche passate dallo studio me le pagano a parte o mi dicono di fare pure fattura direttamente al cliente se alla fin fine sono rogne che mi smazzo nel we e di cui lo studio non si vuole occupare perchè è più la rottura che il guadagno. Così non è neanche male e hai un fisso (su che cifra sia giusta poi c'è molto da discutere in base a preparazione, carico di lavoro, regime fiscale, ecc.) e poi degli extra ogni tanto di qualche centinaio di euro che non fan mai male.
:
Le pratiche firmate te le fai pagare a parte, ovviamente.
La responsabilità civile e penale è TUA. Puoi fatturare tu al cliente dello studio e se la pratica viene eseguita in orario di lavoro dello studio detrarre un tot (in pratica ti fai pagare solo la responsabilità e non il tempo).
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.