Lazio

messaggio inserito lunedì 28 dicembre 2020 da Pipiv

[post n° 440890]

Lazio

Buongiorno a tutti, sto effettuando la ristrutturazione completa del mio appartamento per cui ho presentato regolare CILA al Comune di Roma incaricando un'unica ditta dell'esecuzione di tutti i lavori. Non è stata presentata notifica alla ASL né tantomeno è stato nominato un coordinatore per la sicurezza perché in cantiere non vi è contemporaneità di più imprese. Al termine dei lavori, a seguito della presentazione della dichiarazione di fine lavori in Comune, vorrei chiamare una ditta di serramenti per eseguire la sostituzione degli infissi esterni per i quali non è necessaria alcuna comunicazione in quanto non ne modificherò le caratteristiche (manutenzione ordinaria).
In questi giorni, mentre il cantiere è ancora in corso, la ditta di serramenti mi ha chiesto di pagare anticipatamente l'intero lavoro. In caso di accertamento dell'AdE come faccio a dimostrare che pur avendo pagato in anticipo la ditta il lavoro è effettivamente stato realizzato solo dopo la chiusura del cantiere principale? Una soluzione potrebbe essere quella
di dare un acconto ora e pagare il saldo il giorno dell'installazione, che avverrà sicuramente dopo il fine lavori? Un bonifico a saldo andrebbe bene come attestazione per l'AdE?
:
Non è tanto un problema dell'AdE ma di Sicurezza: per ovviare bisognerebbe chiudere il cantiere (e quindi la pratica), dopodiché sarà sufficiente bonifico e autocertificazione sostitutiva di atto notorio per opere di m.o. agevolabili.
:
Insomma, diciamocela tutta: ha scelto questo artificio proprio per evitare tutti gli oneri della sicurezza...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.