Secondo vostra coscienza, se il committente non paga

messaggio inserito martedì 13 dicembre 2022 da sclerata

sclerata : [post n° 467792]

Secondo vostra coscienza, se il committente non paga

Il caso è un po' particolare, non è un committente privato, è un'impresa a cui faccio da RSPP esterno e redigo i loro pos quando occorre (cioè molto spesso, è successo anche 4 al giorno).
Gli accordi scritti prevedono un fisso all'anno per servizio RSPP e un tot a pos.
Prima fattura per saldare i primi 6 mesi dell'anno, seconda fattura per i restanti 6.
La prima fattura "te la paghiamo subito" emessa ad oggi ancora non evasa. Chiamato, scritto, sollecitato, mezzo mail e mezzo pec... 2 settimane fa "te la paghiamo al più presto". Ovviamente solo chiacchiere.
Ora ho emesso nota per gli altri 6 mesi e ho chiesto che mi venga saldato tutto entro fine anno.
Ma a conti fatti io è un anno che lavoro gratis per questi.
Siccome mi si continua a chiedere documenti, pos, ecc... come loro mi ignorano, adesso li ignoro anche io.

La mia coscienza (mannagia a lei) grida vendetta perchè hanno una serie di lavori per cui senza pos aggiornati/sistemati non li fanno lavorare, ma francamente voi come agireste?
Mi viene da pensare che essendo io troppo buona la piglio sempre là dove non batte il sole...
Archifish :
Salvo collaborazioni basate su fiducia e stima reciproche, che durano da anni e che potrebbero portare comprendere ed a tollerare momenti di difficoltà dell'imprenditore, bisogna essere spietati, soprattutto se c'è un regolare accordo/contratto a disciplinare il rapporto professionale.
sclerata :
gli accordi sì, durano da un 5 anni circa... comprendo e tollero fino ad un certo punto però.
Sono abbastanza stufa che tutti facciano orecchie da mercante...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.