box336am: una microarchitettura effimera ma durevole per aiutare le popolazioni colpite dal sisma

concorso di progettazione

consegna entro il 30 giugno 2017

Il Coordinamento delle associazioni "Box 336 am, Contenitore culturale per Amatrice e le zone colpite dal sisma", con il supporto dell'Ordine degli Architetti P.P.C. di Verona, ha istituito un concorso di progettazione per la selezione di un progetto di microarchitettura - effimera, ma durevole e realizzabile con le modalità di autocostruzione - al fine di portare all'interno delle comunità colpite dal sisma e dalle altre calamità il "superfluo necessario", qualcosa di impalpabile, in grado di risvegliare il senso di comunità, unità, coesione.

Una piccola libreria, una sala prove, un piccolo museo, un luogo per giocare, sono solo alcuni esempi tra le possibili destinazioni di un contenitore culturale. Lo scopo del concorso non è solo progettare il contenitore, ma pensare anche al contenuto, alle funzioni che esso può potenzialmente ospitare al suo interno.

Le candidature al concorso possono essere presentate da architetti e ingegneri, ma anche da designer, studenti, artigiani, artisti, ed altre figure legate al mondo della progettazione e della creatività, sia come singoli che come gruppi temporanei o associazioni di professionisti, purché sia chiaramente indicato il referente o capogruppo.

Premio

Il Premio del concorso consiste nel riconoscimento UNESCO Giovani e nella realizzazione del progetto proposto in un numero di esemplari, quanti ne consente la raccolta fondi messa in atto in contemporanea dal Coordinamento promotore del Concorso. Il primo premio e le eventuali menzioni e/o segnalazioni riceveranno inoltre 336,00 euro ciascuno, come simbolico rimborso spese di partecipazione.

Del progetto decretato vincitore dalla Giuria ne sarà realizzato un prototipo, secondo le indicazioni date dal suo progettista.

Bando

Ulteriori informazioni e documentazione sul sito http://box336am.org/concorso-di-progettazione/

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: