Specializzarsi in Germania: a disposizione borse di studio per laureati e studenti di architettura

Le candidature vanno inviate entro il 30 settembre

Un contributo di 850 euro mensili, più un sussidio per costi di viaggio, cui vanno ad aggiungersi il costo dell'assicurazione sanitaria e un contributo una tantum. E, nel caso si posseggano determinati requisiti, ci  sono anche sussidi mensili per coprire le spese di affitto e contributi supplementari per i familiari che viaggiano con il borsista. È quanto messo a disposizione da DAAD, importante servizio tedesco per lo scambio accademico, per i laureati e studenti di architettura che intendano proseguire la propria formazione in Germania, iscrivendosi a un corso di approfondimento o di specializzazione.

I contributi coprono, inoltre, le spese per la preparazione linguistica. A seconda delle esigenze, si può seguire un corso di tedesco della durata di sei mesi (Deutsch-Uni Online) a partire dalla ricezione della borsa di studio, oppure un corso di due, quattro o sei mesi che parte prima dell'inizio del soggiorno di studi. Sulla partecipazione e durata decide Daad a seconda del programma di studi e delle competenze linguistiche di partenza del candidato.

Quanto al contributo mensile, c'è da specificare che gli 850 euro sono netti. Più nel dettaglio, possono candidarsi coloro che abbiano già conseguito un primo titolo universitario nelle discipline: architettura, architettura di interni, beni culturali, urbanistica, pianificazione territoriale e architettura del paesaggio.

La durata del finanziamento va dai 10 ai 24 mesi, a seconda del percorso prescelto. La borsa, inoltre, decorre generalmente a partire dal 1° ottobre. Nel caso di corsi della durata di due anni, il finanziamento proseguirà nel secondo anno solo nel caso in cui dal profitto accademico si evinca che il ciclo di formazione sarà completato nei tempi previsti.

Inoltre, l'assegnazione della borsa DAAD non dà diritto automaticamente all'ammissione all'università: sono i singoli atenei a decidere riguardo all'accettazione del borsista. In molti casi - si legge nel bando - è necessario superare un esame di ingresso.

La selezione è svolta da una commissione composta da professori universitari che prenderanno in considerazione soprattutto i lavori svolti, da inserire nella documentazione da inviare per la candidatura. Per l'anno accademico 2019/2020 le candidature vanno inviate on line entro il 30 settembre 2018.

Tutte le info sono reperibili sul sito www.daad.it

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: