Adeguamento liturgico della Cattedrale di Sessa Aurunca

concorso di progettazione - procedura aperta - due gradi

pubblicato il:

Iscrizioni entro il 20 settembre 2021 | ore 12

La diocesi di Sessa Aurunca, provincia di Caserta, ha indetto un concorso di progettazione per l'adeguamento liturgico della Cattedrale dedicata ai Santi Pietro e Paolo.

Possono partecipare al concorso, che si svolgerà in due fasi e in forma anonima, i GRUPPI DI LAVORO coordinati esclusivamente da un architetto e costituiti da:

  • PROGETTISTA/i: architetti, ingegneri edili e civili, in forma individuale o in forma di studio associato, società, raggruppamento temporaneo;
  • un ESPERTO in LITURGIA, con almeno la licenzia in liturgia;
  • uno o più ARTISTI.

All'interno del gruppo di lavoro ogni componente può concorrere per una sola qualifica e ciascun concorrente potrà far parte di un solo gruppo di lavoro, pena esclusione dal concorso.

Calendario scadenze

  • La domanda di partecipazione dovrà essere compilata esclusivamente in via telematica entro le 12 del 20 settembre 2021 compilando il form della pagina web http://webapps2.chiesacattolica.it/bandochiese/
  • Entro il 7 ottobre 2021 a tutti i coordinatori dei gruppi sarà inviata una comunicazione di accettazione con il DPP e relativi allegati, o una comunicazione motivata di un'eventuale esclusione.
  • I gruppi selezionati parteciperanno in forma anonima alla prima fase progettuale che vede come data di scadenza per l'invio dell'elaborato e la documentazione richiesta il giorno 10 gennaio 2022.
  • La seconda fase riguarderà lo sviluppo di un minimo di cinque idee progettuali da consegnare entro il 22 aprile 2022.

Premi

  • per il team vincitore è previsto un premio di 4.000 euro (lordi)
  • per le eventuali menzioni il premio sarà di 2.000 euro (lordi) ciascuno
  • a tutti i partecipanti alla seconda fase, esclusi i premiati, sarà riconosciuto un rimborso di 1.000 euro (lordi)

Bando e FAQ
[ diocesisessa.it ]

SPAZI PER CELEBRARE 
video del convegno svoltosi lo scorso giugno in vista del ripensamento dell'area presbiterale.