Roma, il colore e la città. La tutela della bellezza dell'immagine urbana

One Day Exhibition

Roma, 25 gennaio 2010 ore 17.00

Rendere arte la scienza del rilievo cromatico del tessuto urbano storico e mostrare l'aspetto originario degli irripetibili colori del panorama di Roma. Questo il contenuto della mostra "Roma, il colore e la città. La tutela della bellezza dell'immagine urbana" allestita per un solo giorno nella splendida cornice della Sala della Protomoteca in Campidoglio.

In esposizione i lavori dell'arch. Marcella Morlacchi, professore associato di Disegno presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Pescara e tra i maggiori esperti italiani nel settore, sul Piano del Colore e dell'Arredo Urbano elaborato per la Capitale. 16 rilievi cromatici ad acquerello in pannelli di grandi dimensioni (2,70 m per 0,90 m) divisi in tre sezioni: 7 per descrivere tre delle più belle piazze storiche della Capitale (Navona, del Popolo e Spagna); 4 dedicati al panorama di Roma vista dalle Quadrighe del Vittoriano; 5 illustrativi del Piano di Tutela dell'Immagine dell'Area urbana del II Municipio di Roma.

 

La mostra "Roma, il colore e la città. La tutela della bellezza dell'immagine urbana" è promossa dal Comune di Roma. Il coordinamento organizzativo è curato dall'Associazione Morrighan con la collaborazione tecnica dell'azienda leader nel settore delle vernici decorative professionali, Sikkens Italia.

Nel corso dell'inaugurazione verrà presentato l'omonimo volume dell'arch. Marcella Morlacchi pubblicato per i tipi della Gangemi Editore e sarà proiettato un dvd dedicato al Piano del Colore e dell'Arredo Urbano del II Municipio di Roma.

Intervengono all'inaugurazione:  

On. Lavinia Mennuni
Consigliere comunale di Roma

Prof. Arch. Marcella Morlacchi
Capogruppo del Piano Tutela dell'Immagine dell'Area Urbana del Municipio II di Roma

Dott.ssa Cinzia Pellegrino
Presidente Associazione Morrighan

Seguirà buffet

Appuntamento: lunedì 25 gennaio 2010 ore 17.00
Campidoglio, Sala della Protomoteca Roma

pubblicato in data: