Convegni GiArch al Saie 2010

Due giornate di riflessione e confronto sullo stato dell'architettura italiana e le prospettive nel terzo millennio con protagonisti ed esperti del settore.

Bologna, 29 e 30 ottobre 2010

mostre e convegni

Bologna, 29 e 30 ottobre 2010

Il GiArch in occasione del Saie 2010 di Bologna ha organizzato due giornate di riflessione e confronto sullo stato dell'architettura italiana con diversi protagonisti ed esperti del settore.

La prima giornata cercherà di illustrare le ricerche e gli sviluppi in atto a partire dai risultati ottenuti dai primi due volumi "Progetti di Giovani Architetti Italiani" realizzati in collaborazione con UTET Scienze Tecniche® nella nuova serie editoriale LineaGiArch.

La seconda giornata, attraverso la presentazione e la promozione di buone pratiche e di innovative soluzioni, vuole proporre il rinnovo delle regole e prassi progettuali come il punto di partenza per la riforma del settore edilizio e come occasione di sviluppo di nuovi scenari per il suo futuro.

venerdì 29 ottobre ore 14 - 18

L'ARCHITETTURA ITALIANA CONTEMPORANEA
miti e realtà

Area Forum della Piazza dell'Energia Pad. 14
Le ricerche e gli sviluppi in atto a partire dai risultati ottenuti dai primi due volumi "Progetti di Giovani Architetti Italiani" realizzati in collaborazione con UTET Scienze Tecniche® nella nuova serie editoriale LineaGiArch.

sabato 30 ottobre ore 14-18

PROSPETTIVE PER LA PROGETTAZIONE NEL TERZO MILLENNIO:
idee, strumenti e metodi per l'architettura italiana

Area Forum della Piazza dell'Energia Pad. 14

I Giovani architetti italiani incontreranno il Presidente del Consiglio dei Lavori Pubblici, Francesco Karrer, il Presidente Ance, Paolo Buzzetti e il Direttore dell'Agenzia del Territorio, Gabriella Alemanno al fine di consolidare sempre più i rapporti di collaborazione con le Istituzioni che si dimostrano sensibili nei confronti delle tematiche legate al miglioramento della qualità dell'architettura e della professione di architetto.

Invito Programma

Web.

pubblicato in data: