Franco Purini. Gli spazi del tempo. Il disegno come memoria e misura delle cose

Roma, 4 febbraio - 7 marzo 2011

In mostra, presso la Gangemi Editore, una raccolta di 20 disegni di Franco Purini, che ha scelto un mezzo espressivo da lui stesso definito - insieme alla scrittura - come «uno dei pochi linguaggi capaci di rendere visibile il tempo».

«Un tempo il quale, a differenza di quanto si tende a credere, non è qualcosa che scorre uniformemente lungo una traiettoria lineare. Esso infatti può avvitarsi a spirale, dilatarsi e contrarsi, arrestarsi, cambiare improvvisamente direzione, muoversi seguendo gli andirivieni di un labirinto infinito. Inoltre, il tempo può non solo invertire il proprio corso o arrestarsi, ma è anche in grado di sdoppiarsi progressivamente fino a comporsi in una molteplicità di espressioni. Il tutto in un'avvincente dialettica tra tempo interiore e tempo esterno».

«Nel suo immediato svolgersi il tempo non consente una sua vera e propria esperienza. Solo una sua rappresentazione permette, attraverso la memoria, che gli spazi mentali che esso produce si configurino come una narrazione incessante e stratificata, nella quale l'abbandono emotivo e l'elaborazione razionale convivono generando plusvalori conoscitivi e poetici. Assieme alla scrittura il disegno trascrive il tempo nel suo contrario, trasformandolo in una immobilità che pensa, desidera, ricorda». [Franco Purini, 21 gennaio 2011].

Invito

Periodo espositivo: 4 febbraio - 7 marzo 2011
presso la Sala mostre & convegni Gangemi Editore, via Giulia, 142 - Roma.
Ingresso libero.

pubblicato in data: