Certificate No. 000358/ - il costo umano di una catastrofe nucleare

pubblicato il:

Roma, 28 maggio - 8 giugno 2011

il Gruppo Locale di Greenpeace inaugura la mostra fotografica "Certificate No. 000358/ - Il costo umano di una catastrofe nucleare". Con questo evento si intende ricordare l'incidente nucleare di Cernobyl, che nel 1986 sconvolse l'ex Unione Sovietica e il pianeta intero.

Il fotografo Robert Knoth ha realizzato per l'occasione un reportage da quattro zone dell'ex Unione Sovietica colpite da incidenti nucleari e contaminate dalle radiazioni. La mostra si concentra su vari aspetti del fenomeno: le vicende personali e le storie di vita quotidiana si mescolano ai ritratti delle persone colpite da malattie causate dalle radiazioni, alle immagini delle zone contaminate e abbandonate, e a quelle dei centri medici.

A 25 anni dal disastro di Cernobyl, la mostra evidenzia come questa tragedia non abbia rappresentato un fatto isolato e si inserisce nel dibattito attuale intorno al nucleare e al problema dell'approvvigionamento energetico futuro. Alla luce degli ultimi avvenimenti in Giappone, dopo la catastrofe nucleare di Fukushima, mai come adesso è fondamentale ribadire le problematiche dell'energia nucleare.

Durante la serata sarà inoltre possibile partecipare alla registrazione del video "Io mi Ricordo...", in cui ciascuno potrà raccontare i propri ricordi di quel 26 aprile 1986.

Appuntamenti
Inaugurazione: sabato 28 maggio 2011, ore 19.30
Periodo espositivo: 28 maggio - 8 giugno 2011
c/o Caffè Letterario - Via Ostiense, 95 - Roma.

+ Info: E. gl.roma.it@greenpeace.org | web www.greenpeace.it/local/roma


Robert Knoth, nota biografica
Ha studiato all'Accademia dell'Arte di Utrecht, Olanda, e dal 1990 al 1994 ha lavorato come fotografo rock. Ha poi deciso di trasferirsi in Somalia per documentare la storia della guerra civile. Dopo il ‘94, ha lavorato in vari paesi: Afghanistan, Sudan, ex Jugoslavia e altri. Ha ricevuto numerosi premi tra cui quelli del concorso "Zilveren Camera" e 2 World Press Photo nel 1999 e nel 2005.

web www.robertknoth.com