Enel Contemporanea: un'edizione speciale per i 50 anni di Enel

Roma, 11 - 31 dicembre 2012

Sono gli artisti americani, gemelli omozigoti, Mike e Doug Starn i protagonisti della sesta edizione di Enel Contemporanea, fra i più prestigiosi appuntamenti internazionali nel panorama dell'arte contemporanea, a cura di Francesco Bonami. Un'edizione speciale per i 50 anni di Enel che, a partire dall'11 dicembre, vede l'apertura al pubblico negli ampi spazi di MACRO Testaccio della gigantesca installazione "Big Bambú", appositamente creata per la città di Roma.

Dopo la doppia giostra in movimento dell'artista tedesco Carsten Höller e la "casa di farfalle" degli olandesi Bik Van der Pol - che nel 2010 inaugurò con grande successo il nuovo MACRO a Roma e che a settembre è sbarcata a Mosca - quest'anno i visitatori potranno ammirare e sperimentare un'opera che promette di emozionare non solo gli addetti ai lavori.

Realizzata da Enel nell'ambito della consolidata partnership con il MACRO - Museo d'Arte Contemporanea Roma, Enel Contemporanea 2012 offre al pubblico la possibilità di vivere in modo nuovo l'area museale di MACRO Testaccio. "Big Bambú" è infatti un'installazione tutta da scoprire, con percorsi e camminamenti aperti ai visitatori, tra emozioni, natura e colori. Ma è anche un sorprendente luogo d'incontro e di aggregazione, dove fermarsi a chiacchierare, ad ascoltare una presentazione, a leggere un libro o anche, semplicemente, a guardare il panorama di Roma da un punto di vista unico e diverso: un nuovo modo di vivere l'arte, il quartiere e la città.

Per l'occasione, nell'ottica di una migliore fruibilità dell'area interna di MACRO Testaccio, vengono inoltre realizzate due isole verdi lungo i corridoi laterali, con una selezione botanica di sempreverdi ed essenze ornamentali legate alla tradizione e alla spontaneità del territorio.

L'installazione

Negli spazi del museo circa 8.000 aste di bambù sono state legate e incastrate fra loro dagli artisti insieme a un gruppo di arrampicatori esperti, americani e italiani, a creare un'inedita scultura -architettura, che si sviluppa fino a circa 25 metri di altezza. L'opera della serie "Big Bambú" è stata concepita dai fratelli Starn come un organismo vivente in continuo cambiamento nella sua complessità ed energia, grazie all'utilizzo di un materiale solido e flessibile, oltre che altamente simbolico, come il bambù.

All'interno dell'architettura-scultura l'imprevedibile incrociarsi dei bambù diviene al tempo stesso elemento giocoso ed espressione della molteplicità della vita, dell'immaginazione e della creatività umana. Rendendo la flessibilità e gli intrecci del bambù elementi fisici di costruzione ma anche elementi mentali di riflessione, il visitatore può abbandonarsi nello spazio di quest'opera d'arte in continua trasformazione, concepita come se la costruzione non fosse mai finita. Un grande organismo vivo che si trasforma, si muove, si adatta al tempo, che cresce non in dimensioni ma in sensazioni. In questo modo i fratelli Starn creano una delle poche opere d'arte contemporanea che, pur presentandosi nella sua versione ultimata come una scultura, rimane costantemente organica e viva, capace di accogliere lo spettatore e di inglobarlo come parte integrante del processo.

Appuntamento: apertura al pubblico dall'11 al 31 dicembre 2012. Ingresso gratuito
Orari: da martedì a domenica ore 16.00-22.00 | Chiuso il lunedì.
Sede: MACRO Testaccio, Piazza O. Giustiniani 4, Roma

web www.museomacro.org | enelcontemporanea.enel.com


Mike e Doug Starn e "Big Bambú"

Nel 2010 l'installazione "Big Bambú: You Can't, You Don't and You Won't Stop" (non puoi, non vuoi e non ti fermerai) di Mike e Doug Starn, in mostra al Metropolitan Museum di New York, è stata la nona esposizione più visitata nella storia del museo e la quarta più visitata al mondo in quell'anno. Successivamente, è stata presentata alla 54. Biennale di Venezia nel 2011.

Mike e Doug Starn lavorano insieme da oltre vent'anni focalizzandosi principalmente sull'arte concettuale e sulla fotografia. Le loro opere, concepite come inedite strutture organiche in evoluzione, sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private, e sono state esposte in musei e gallerie di tutto il mondo, fra cui il Museum of Modern Art, il Metropolitan Museum of Art e il Guggenheim Museum di New York, la National Gallery of Victoria di Melbourne, lo Yokohama Museum of Art in Giappone, la Maison Européenne de la Photographie di Parigi. Rappresentati dal celebre gallerista Leo Castelli dal 1989 fino alla sua morte, nella loro carriera artistica gli Starn hanno ricevuto numerosi riconoscimenti. Attualmente, oltre a Enel Contemporanea 2012, è in corso la loro mostra "Gravity of Light" ospitata dal Cincinnati Art Museum. Lavorano a Beacon, New York.

Enel Contemporanea è il progetto promosso da Enel che prevede ogni anno la realizzazione di opere sul tema dell'energia da parte di artisti di diverse nazionalità (www.enelcontemporanea.com). 

pubblicato in data: