Architettura, rappresentazione spaziale e immaginario cinematografico

Un progetto di Martino Stierli (Universität Zürich) e dell'Istituto Svizzero di Roma

pubblicato il: - ultimo aggiornamento: 

Roma, giovedì 13 e venerdì 14 giugno 2013

L'Istituto Svizzero di Roma presenta nella sua sede di Villa Maraini un simposio internazionale per esplorare la complessa interrelazione tra architettura e cinema dalla modernità al presente.

Dieci studiosi tra architetti, storici dell'arte, dell'architettura e del cinema - Olivo Barbieri, Marco Brizzi, Giuliana Bruno, Teresa Castro, Marisa Galbiati, Edward Dimenberg, Christina Kerez, Henry Keazor, Richard Koeck, Martino Stierli - analizzano prospettive diverse, che si intrecciano in un dialogo produttivo.

I relatori considerano il potenziale del cinema e dell'immagine in movimento come strumento di conoscenza e di ricerca per l'analisi e la rappresentazione dell'architettura e dello spazio.

Il dibattito affronta le modalità utilizzate dagli architetti per esplorare e rappresentare qualità spaziali, sia storicamente che nel presente, la relazione tra design architettonico e iconografia cinematografica e il ruolo che riveste il cinema nella ricerca architettonica e urbana. Gli interventi inoltre esaminano anche le caratteristiche dello spazio urbano costruito, che rendono visibili gli artisti quando ricorrono al mezzo dell'immagine in movimento, e le interpretazioni dello spazio in base a prospettive politiche, economiche e di genere.

Il simposio apre con i due interventi di riferimento: la conferenza di Giuliana Bruno (Harvard University) e la presentazione del film di Olivo Barbieri, a cui seguono i contributi di esperti provenienti da tutto il mondo.

Il cinema, come la metropoli, è un tipico prodotto della modernità. Per questo motivo, la rappresentazione cinematografica dell'architettura moderna e dello spazio urbano è stata un punto centrale fin dalle sue origini. Più di ogni altra cosa, cinema e architettura sono accomunati da analoghe prassi della percezione e della rappresentazione dello spazio: entrambi devono essere percorsi per diventare leggibili. È stata la metropoli moderna di fine Ottocento a dare vita al dispositivo spaziale della transitorietà attraverso tipologie caratteristiche quali gallerie, stazioni ferroviarie, grandi magazzini o i padiglioni espositivi descritti da Charles Baudelaire, Walter Benjamin e altri, che fecero del caratteristico flâneur il mediatore di uno sguardo protocinematografico. In questo contesto urbano si svilupparono nuove macchine per vedere immagini, come il panopticon, il panorama e il diorama, che possono essere tutti considerati precursori del cinema. Come ha affermato in proposito la studiosa di cinema Giuliana Bruno: "Modificando il rapporto tra percezione spaziale e movimento corporeo, l'architettura di transito ha preparato il terreno per l'invenzione dell'immagine in movimento."

» Programma interventi

Appuntamenti: 13 - 14 giugno 2013  |  ingresso libero
- giovedì 13 giugno 2013, ore 18,30 - 20,30
- venerdì 14 giugno 2013, ore 9,30 - 20,00

Istituto Svizzero di Roma Via Ludovisi4 8 Roma | www.istitutosvizzero.it