Struggling cities, Japanese Urban Projects

a cura di Naohiko Hino

Roma, 8 febbraio - 15 marzo 2014

Architettura, Giappone, città: tre parole chiave che animano Struggling cities, ovvero la mostra sul discorso urbanistico in Giappone a partire dagli anni Sessanta. Modelli in scala, foto, animazione e tutto ciò che è tecnologicamente interessante per mostrare al pubblico italiano come le "città combattenti" del titolo, o meglio i loro progetti, abbiano rappresentato le premesse, più o meno accolte, della metropoli per antonomasia Tokyo

La mostra, organizzata dall'Istituto Giapponese di Cultura in Roma, Japan Foundation, è a cura di: Naohiko Hino.

Arata Isozaki, Cities in the Air photo: ©Takashi Ohtaka, Kiyonori Kikutake, Tower Shape Community

Sezione 1 | Storia della città ideale

Molte città sono spontaneamente scaturite dalla forma del territorio, fiumi o porti, mentre altre sono state sviluppate sulla base di una visione ideale. Uno sguardo alla diversità delle morfologie urbane, attraverso concept che riflettono la visione del mondo peculiare di una società.

Sezione 2 | Progetti urbani ambiziosi in Giappone

Nel corso dei primi Sessanta, tre importanti progetti urbani furono presentati in Giappone. Nessuno venne realizzato, tuttavia, ma le tre visioni ideali ci permettono di capire problematiche e cambiamenti che le città, non solo Tokyo, attraversavano all'epoca.

Sezione 3 | Città del mondo: anni Sessanta - Settanta

Dagli anni Sessanta ai Settanta vennero realizzati progetti urbani "moderni". Se ne possono confutare i concept attraverso la sovrapposizione dei disegni originari e delle foto satellitari attuali: i primi non sono sempre stati rispettati. Piuttosto, la comparazione rivela chiaramente come una planimetria urbana non possa esercitare il controllo sulla città reale. Quanto è lecito parlare di obiettivo mancato?

Sezione 4 | Problematiche urbane ai giorni nostri Urbanizzazione mondiale.

Le città sono smisurate e ospitano oltre metà della popolazione globale. Che immagine mostra una città del presente? Tokyo, una delle prime metropoli al mondo, funge da esempio per considerare le sopravvivenze urbanistiche contemporanee.

Periodo espositivo: 8 febbraio - 15 marzo 2014
orari mostra: lun.-ven. 9-12.30/13.30-18.30 merc. fino alle 17.30 sab. 9.30-13

Sede: Istituto Giapponese di Cultura in Roma via Antonio Gramsci 74 00197 Roma
tel 06 3224754 / 94 www.jfroma.it ingresso libero

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: