Forgotten Architecture Visits, alla scoperta di quattro case d'autore

visite guidate organizzate da Forgotten Architecture e ProViaggiArchitettura

pubblicato il:

Milano, 8 maggio | Modena, 15 maggio | Torino, 5 giugno | Fregene, 12 giugno

Si torna a viaggiare... da Milano a Modena, da Torino a Fregene alla scoperta delle opere realizzate dai grandi architetti del passato per amici o come esercizio di sperimentazione progettuale.

È la nuova iniziativa di ProViaggiArchitettura e Forgotten Architecture - famoso gruppo Facebook dedicato ai progetti dimenticati - che ci permetterà di visitare tra maggio e giugno quattro spazi privati unici, finalmente in presenza!

Sabato 8 maggio a Milano si apriranno per la prima volta al pubblico le porte della Casa di Arnaldo Pomodoro  progettata da Ettore Sottsass (1968), il sabato successivo a Modena si varcherà la soglia di Casa Mescoli-Goich di Cesare Leonardi (1984-1993); il 5 giugno a Torino si avrà modo scoprire lo Studio di Ezio Gribaudo opera di Andrea Bruno (1954); infine il 12 giugno a Fregene (Roma) si potrà ammirare la Casa Albero (o Casa Sperimentale), progetto visionario di Giuseppe Perugini, Uga De Plaisant e Raynaldo Perugini (1968).

Quota di partecipazione | 10 euro a visita

Info e prenotazioni »

Forgotten Architecture Visits ha il sostegno di Edilpiù e la collaborazione di Archivia che ha realizzato i quaderni personalizzati con i disegni delle case da visitare.

Milano | CASA DI ARNALDO POMODORO

di Ettore Sottsass Jr.

sabato 8 maggio 2021

Aperta al pubblico per la prima volta, la casa venne progettata da Ettore Sottsass Jr. per l'amico Arnaldo Pomodoro che voleva un'abitazione "per una vita veloce, metropolitana", una sorta di studio per accogliere gli amici, ricevere appuntamenti, fare telefonate e leggere il giornale. 

Sottsass progettò uno spazio basato sulla forma, trasformando la soffitta all'ultimo piano di un palazzo in zona Crocetta in un posto speciale. Al centro, una scala attrezzata, con scaffale e armadietti, che dalla porta d'ingresso arriva fino alla camera da letto.

I nuovi proprietari hanno avuto la sensibilità di non alterare minimamente la struttura degli interni e di preservarne ogni singolo dettaglio.

Prenotazioni | ore 15.00  | ore 16.30

 foto: © Op-Fot

Modena | CASA MESCOLI-GOICH

di Cesare Leonardi + visita all'Archivio Cesare Leonardi

sabato 15 maggio 2021

La casa venne progettata dal genio di Cesare Leonardi tra il 1984 e il 1993 e rappresenta la ristrutturazione di una tipica casa binata modenese degli anni 50 con un approccio 'totale' al tema dell'abitazione, dalla rielaborazione della spazialità interna fino al progetto degli arredi con il sistema modulare Solidi e alla piantumazione del giardino.

Casa Mescoli-Goich nasce come incarico professionale e si trasforma in un'amicizia duratura tra Leonardi e i proprietari. Negli anni infatti la casa si popola di nuovi oggetti che costituiscono oggi la collezione personale di Leda Goich e Ivano Mescoli. All'interno dello spazio progettato, dialogano in maniera inedita pitture ad olio e composizioni fotografiche, il design in vetroresina degli anni Settanta e i primi prototipi di sedute in legno giallo, sculture e plastici di studio, restituendo un concentrato del pensiero e del modo di operare di Cesare Leonardi calato in una dimensione visionaria e insieme domestica.

Al termine della visita della casa, sarà possibile accedere anche allo Studio Leonardi, che oggi ospita l'Archivio.

Prenotazioni: ore 10.00 | ore 15.00

foto © Archivio Architetto Cesare Leonardi

Torino | STUDIO DI EZIO GRIBAUDO

di Andrea Bruno

sabato 5 giugno 2021

Il progetto venne pensato da Andrea Bruno per l'amico e artista Ezio Gribaudo, dopo che quest'ultimo acquistò un terreno a 50 metri da casa per la realizzazione del suo studio

Bruno progettò per l'artista un edificio in cemento armato a vista, la cui superficie è disegnata secondo una geometria lineare, composta da cubi aggettanti che sporgono verso l'esterno, con ampie finestre e tagli di luce nel cemento. Gli spazio interni sono suddivisi su tre livelli, con la scala-libreria protagonista del progetto, pensata come scultura che riprende le forme delle opere di Gribaudo.

Le superfici esterne della casa si fanno manifesto parietale dell'opera di Gribaudo e conservano due pezzi unici da lui concepiti.

Prenotazioni: ore 15.00 | ore 16.30

foto: © Studio Gribaudo

Fregene (Roma) | Casa Albero - Casa Sperimentale

di Giuseppe Perugini, Uga De Plaisant e Raynaldo Perugini

sabato 12 giugno 2021

La Casa Albero è un caso unico e raro di auto-progettazione familiare, realizzato da Giuseppe Perugini e sua moglie Uga De Plaisant insieme al giovane figlio Raynaldo alla fine degli anni '60, dopo l'acquisto di un terreno a Fregene, allora meta prediletta delle vacanze estive della borghesia romana.

La Casa Albero è pensata come una "casa continuum", un eterno work in progress dove sperimentare il senso della vita tramite il rapporto diretto con la natura circostante. Il suo essere un cantiere perpetuo la rendeva modificabile ed espandibile all'infinito.

Il complesso residenziale è formato da tre edifici di tipologia diversa. Il primo, il cuore del sistema, è proprio la Casa, disegnata con una struttura aperta, infinitamente modulare, in calcestruzzo grezzo, vetro e acciaio tinto di rosso. Accanto ad essa, Perugini realizza la "palla", una sfera di 5 metri di diametro concepita come appendice esterna, a sua volta esempio di struttura abitativa, forma perfetta e simbolo della compiutezza e della perfezione cosmica, attrezzata come una casa indipendente stavolta però unitaria.

Il terzo edificio è il risultato dell'unione di tre volumi funzionali chiamato "cubetti", moduli spaziali cubici intervallati da semi-moduli contenenti i servizi, camera da letto, soggiorno e cucina in meno di 40 metri quadrati.

Prenotazioni: ore 15.00 | ore 16.30

foto © Raynaldo Perugini

FORGOTTEN ARCHITECTURE VISITS
Milano, 8 maggio | Modena, 15 maggio | Torino, 5 giugno | Fregene, 12 giugno

+infoproviaggiarchitettura.com