Cambiamento climatico. Soluzioni fresche

serata di architettura con Italian Architecture e FOAMI | 2 CFP

pubblicato il:

Giovedì 20 maggio 2021 | ore 18

Italian Architecture, in collaborazione con l'Ordine degli architetti di Milano, organizza una conferenza gratuita - disponibile sia in forma webinar che su Facebook live - su come può rispondere la città al cambiamento climatico.

Con la partecipazione di Federico Parolotto, senior partner di Mobility in Chain e Nicola Russi, fondatore di Laboratorio Permanente, si cercherà di rispondere a una domanda che si fa sempre più pressante: come si può trasformare la città che abbiamo ereditato, basata su canoni e valori non più attuali, in modo intelligente e con una visione di ampio respiro?

Il focus dell'incontro sarà la pianificazione urbana e il rafforzamento della capacità di questa disciplina di rispondere all'esigenza di adattamento nelle aree urbane, con l'intento di ampliare il dibattito su come venga compresa, gestita e realizzata la trasformazione delle città per rispondere ai cambiamenti climatici, problema urgente nei prossimi decenni. 

Programma

  • Saluti istituzionali
    interviene Leonardo Cavalli, Fondazione Ordine Architetti Milano
  • Intervento di Federico Parolotto, Mobility in Chain
    Scenari possibili in rispostra al tema del cambiamento climatico nell'ambito della mobilità
  • Intervento di Nicola Russi, Laboratorio Permanente
    Saranno presentati alcuni progetti sviluppati dal suo studio - fondato nel 2008 con Angelica Sylos Labini - e spiegati gli approcci messi in atto dalla progettazione architettonica in risposta ai cambiamenti climatici.

La parte finale, moderata da Italian architecture, sarà dedicata ad un confronto tra i due relatori, per riassumere in un dialogo strutturato i temi trattati.

CAMBIAMENTO CLIMATICO. SOLUZIONI FRESCHE
Giovedì 20 maggio 2021 | ore 18

evento online gratuito

Il webinar riconosce 2 CFP a chi si iscriverà attraverso la piattaforma iM@teria.
Si potrà seguire anche in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione e Ordine degli Architetti di Milano, ma senza il riconoscimento di crediti

+info: italianarchitecture.org