La collina della città e la città della collina

Conferenza

Bologna, 14 marzo 2005, ore 20.45

Conferenza sul destino dell'Area STA.VE.CO, potenziale cerniera tra la città e la fascia collinare.

Relatore Glauco Gresleri

Alla presenza del Presidente del Quartiere Santo Stefano
Dott. Andrea Forlani

presso la Sala conferenze del Baraccano Via Santo Stefano 119


Da qualche anno, la Città Europea vive una stagione in cui intervenire all’interno di aree dismesse o in disuso si sta dimostrando inevitabile e determinante per tentare di superare la crisi che vive oggi l’ambiente urbano.

A tale riguardo, in ambito nazionale, Bologna si colloca in una posizione delicata di osservazione ed attesa: così incerta tra il continuare a trincerarsi nella retroguardia nostalgica di stagioni presunte migliori - con l’idea che basti la gestione ottimale dell’esistente per risolvere le questioni attuali - e la tentazione di mettersi in gioco - pensando a traguardi più ambiziosi della semplice manutenzione qualitativa - e di accettare la grande sfida del futuro.

Allo stato attuale, il destino dell’Area STA.VE.CO (ex demanio militare) – potenziale cerniera tra la città e la fascia collinare - si prospetta come l’ultima occasione per Bologna di attivare un processo di modernizzazione urbana compatibile con i tempi e con gli imperativi del vivere contemporaneo, e soprattutto un’opportunità irripetibile per la città interna di uscire dai confini e prendere possesso della collina come spazio verde.

Un’eccezionalità che l’Associazione Culturale ARCOMAI non poteva che recepire presentando lo studio dell'architetto Glauco Gresleri il quale, illustrando l'unicità di questa condizione urbana, rende evidente la potenzialità strategica per connettere strutturalmente il costruito con la sua naturale altra metà, la collina. Lo studio che espone più indicazioni importanti di principio - prima ancora che tracciati di operatività - apre una prospettiva potenziale di alto valore propositivo che ARCOMAI ritiene presentare ai cittadini come servizio culturale.

Il Presidente Nicola Desiderio.

[segue: http://www.arcomai.it]


 

pubblicato in data: