Angelo Liberati / Luchino Visconti. percorsi di pittura, cinema, architettura

Cagliari, 24 Febbraio - 24 Marzo 2006

Sede: Spazio San Pancrazio, Cittadella dei Musei, Cagliari

Orari: dal martedì al sabato 9.00 - 13.00; giovedì 16.00 - 18.00; venerdì e sabato 16.00 - 19.00

Pittura, architettura, cinema vengono abitualmente considerate forme d'arte autonome. Questa mostra, da  un'idea di Angelo Liberati, vuole proporre una ipotesi di interazione in un percorso dedicato al cinema di Luchino Visconti.

L’iniziativa si articola in tre sezioni principali che costituiscono un percorso unitario: la prima sull’arte figurativa e il mondo del cinema; la seconda sulle immagini che raccontano alcuni dei film di Luchino Visconti; la terza sul rapporto tra architettura e cinema.

Sono previste alcune occasioni di incontro (conferenze-dibattito) con l’artista e con studiosi del cinema per dibattere sulle motivazioni di carattere estetico e socio culturale della produzione di Liberati e per approfondire e conoscere temi e aspetti del cinema di Luchino Visconti.

Sono previsti laboratori didattici e visite guidate per le scuole e, inoltre, laboratori didattici per non vedenti svolti in collaborazione con il Centro di Consulenza tiflodidattica della Biblioteca Italiana Ciechi (tel. 070554398).

La mostra si pone infatti come obiettivo centrale quello di avvicinare i ragazzi all’arte, educarli alla corretta fruizione ma anche di far vivere loro luoghi della città al di fuori della esperienza scolastica. A questo scopo i ragazzi saranno guidati, nella lettura delle opere e nell’esplorazione delle diverse tecniche utilizzate dall’artista, dal racconto di persone in  possesso di specifiche competenze. Gli interventi degli operatori saranno modulati ed articolati a seconda dell’età dei partecipanti in modo da coinvolgere i ragazzi ad approfondire di volta in volta le diverse tematiche suggerite dalle opere di Liberati, dalle immagini tratte dai film e dai cortometraggi. Particolare cura verrà dedicata al pubblico di non vedenti con sperimentazioni tattili su opere realizzate ad hoc dall'artista.

La partecipazione alle attività dovrà essere preventivamente comunicata alla dott.ssa Marcella Serreli, Servizi educativi del Museo e del Territorio, telefonando al numero 070/553023.

 

pubblicato in data: