Città di fondazione italiane, 1928-1942

mostra

pubblicato il:

Caltagirone, 27 giugno - 3 settembre 2006

 

Il Museo civico delle ville storiche caltagironesi e siciliane di Villa Patti ospiterà la mostra dedicata alle città di Fondazione.

Inaugurazione martedì 27 giugno 2006, ore 19.00

A cura di Giorgio Pellegrini, attraverso immagini, documenti e schede, l’esposizione presenta un aspetto significativo della storia, dell'architettura, della cultura e dell'arte in Italia, attraverso la testimonianza delle città fondate un po' in tutta Italia tra il 1928 ed il 1942, la loro progettazione, costruzione e fioritura.

Rappresenta inoltre un fondamentale momento di confronto e discussione su uno dei temi di più pressante attualità, quale il rapporto tra l’uomo, la città moderna e la relazione fra di esse, il paesaggio e l’ambiente.

La mostra sarà incrementata con una piccola ma importante sezione dedicata a Mussolinia, la "città giardino", intitolata al Duce, che nel 1930 doveva essere edificata nel territorio demaniale del bosco di Santo Pietro, ma che in realtà rimase solo un progetto, nonostante lo stesso Mussolini avesse posto la prima pietra dei lavori.

Di essa rimangono il progetto dell'architetto Saverio Fragapane, controversi atti amministrativi, cronache giornalistiche e pochi resti costruiti.

A Mussolinia, la città offerta e intestata al Duce dai gerarchi di Caltagirone, è legato l'episodio – riportato nel libro di Andrea Camilleri "Privo di titolo" - di una città mai costruita, a cui i fascisti calatini cercarono di rimediare attraverso un fotomontaggio. Ma l'inganno fu scoperto, anche perché, intanto, al fotomontaggio la controbeffa aggiunse il mare trasportato di peso nell'entroterra.