Ereditare il paesaggio

mostra fotografica

pubblicato il:

Biella, 16 dicembre 2007 - 24 marzo 2008

c/o Museo del Territorio Biellese

Nove grandi maestri della fotografia - Barbieri, Basilico, Castella, Chiaramonte, Cresci, Fossati, Guidi, Jodice e Vitali - presentano diciotto giovani fotografi, due per ciascuno, per confrontarsi con loro sulla fotografia di paesaggio in Italia.

Dall’incontro tra i maestri e i giovani autori nasce l’esposizione Ereditare il paesaggio, a cura di Giovanna Calvenzi e Maddalena d’Alfonso, che il Museo del Territorio di Biella promuove e ospita nelle sale del chiostro cinquecentesco di San Sebastiano, dal 16 dicembre 2007 al 24 marzo 2008.

La rappresentazione del paesaggio è sempre stata uno degli aspetti più interessanti della fotografia italiana, specialmente dall’ormai lontano 1984 quando Luigi Ghirri, Gianni Leone e Enzo Velati organizzarono a Bari la mostra Viaggio in Italia, vera pietra miliare nel rinnovamento del dibattito sulla fotografia paesaggistica.

La generazione di autori cresciuti intorno a questa esperienza ha utilizzato la fotografia per interrogarsi sui mutamenti che stavano avvenendo sul territorio. Le loro immagini riproponevano la frantumazione del paesaggio, il proliferare di un’architettura senza qualità e l’espandersi incontrollato delle città, senza denuncia ma prendendo atto dei mutamenti in corso. Oggi quei mutamenti hanno creato nuovi paesaggi con i quali una nuova generazione di fotografi si sta confrontando.

Ereditare il paesaggio vuole essere un’occasione di confronto e di dialogo tra queste due generazioni. I nove maestri invitati hanno contribuito con il loro lavoro a definire gli strumenti di una nuova ricerca, contaminando i confini tra arte, sociologia, urbanistica e fotografia. E a ognuno di loro, per questa mostra, è stato chiesto di scegliere due giovani fotografi, motivando con un breve scritto le ragioni delle loro scelte e mettendo in evidenza gli elementi di continuità ma anche le differenze, in una sorta di passaggio di testimone.

Ereditare il paesaggio è anche un progetto che prevede nuove campagne fotografiche sul territorio del nord-ovest, successivi incontri e dibattiti tra i fotografi, critici, personalità dell’urbanistica e dell’architettura. Questa serie di incontri darà origine a materiali registrati, filmati, trascritti e archiviati che, con le immagini, diventeranno parte del progetto stesso e verranno conservati presso la Fondazione Museo del Territorio Biellese, costituendo il nucleo di un archivio sul paesaggio.

La città intende così riannodare il rapporto con la fotografia, già rappresentata dalla Fondazione Sella e della Fondazione Piacenza, e allargare l’indagine fotografica condotta sul paesaggio industriale locale alla fine degli anni 80 da Gabriele Basilico. 

 

Maggiori informazioni su
www.museodelterritorio.biella.it