Tre modi di coniugare l'acciaio

incontro

pubblicato il:

Roma, 15 gennaio 2008 ore 18.00

c/o Salsa Clementina, Complesso Monumentale del San Michele
Via san Michele 15, Roma

Incontro nel contesto della mostra "Studio Valle 1957-2007". Cinquant'anni di architettura" con

- Odile Decq ODBC, Architects Urbanistes,
- Gabriele Del Mese,  Arup Italia
- Tommaso Valle, Studio Valle. 

Conducono Nicola Leonardi, editore The Plan e Pippo Ciorra, critico d'architettura e sarà presente Pierre Engel per ArcelorMittal.

Il progettista ha oggi a disposizione tecnologie costruttive che non solo gli offrono ampie libertà compositive ma soprattutto lo orientano ad una nuova immagine dell'architettura. L'accaio, abbinato ad altri materialli quali il vetro, è la scelta architettonica che meglio traduce l'imagine di leggerezza e trasparenza. L'incontro si propone di indagare questo orientamento in architettura, segnalando le specificità dell'Italia rispetto ad altre esperienze europee.

Seguirà un aperitivo rinforzato.

Odile Decq Tra le più importanti figure del panorama architettonico mondiale e una delle poche firme femminili di successo, Odile Decq nasce a Laval nel 1955. Sin dall'infanzia nutre una forte passione per l'architettura: inizia infatti gli studi a Rennes per proseguire a Parigi presso l'Ecole UP6 dove si laurea nel 1978, mentre un anno dopo riceve il Diplôme d'Etudes Supérieures Spécialisées (Dess) di urbanistica e gestione presso l'Institut d'Études Politiques . Arrivano gli anni '80 e per Odile Decq arriva il successo nazionale e internazionale. Nell'80 decide infatti di fondare la propria agenzia e nell'85 avvia la preziosa partnership con Benoit Cornette: unione che darà vita a uno dei più importanti marchi apprezzati in tutto il mondo, il ODBC. Numerose le commissioni che arrivano presso il nuovo studio: da abitazioni private a prestigiose boutique, fino alla realizzazione della Banque Populaire de l'Ouest et d'Armorique a Rennes. E numerosi anche i riconoscimenti: il Leone d'Oro della Biennale di Venezia (1996), il Benedictus Award per la Faculté des Sciences Économiques et la Bibliothèque de Droit di Nantes (1990) e il Trophée de l'Association des Journalistes de la Construction (1990) solo per citarne alcuni. Infine l'incarico da parte del Comune di Roma per la realizzazione del nuovo Museo di Arte Contemporanea (Macro) a Roma.

Gabriele Del Mese Amministratore Delegato dell'ufficio di Arup Milano oltre ad essere uno dei direttori di Arup Group. Del Mese ha studiato Lettere all'Università di Torino ed Ingegneria Civile all'Università di Padova. Dopo un iniziale periodo professionale in Italia, è entrato in Arup nel 1973. Durante la sua carriera internazionale all'interno della società è stato responsabile per la progettazione e la costruzione di un gran numero di progetti ampi e complessi, inclusi ospedali, università, teatri, impianti sportivi, edilizia terziaria ed edifici industriali. Ha tenuto conferenze in tutto il mondo, ha partecipato a numerose pubblicazioni ed è un fautore entusiasta dell'approccio multidisciplinare alla progettazione. E' membro della Institution of Structural Engineers, ingegnere abilitato sia in Italia che nel Regno Unito e membro dell'Ordine degli Ingegneri di Salerno. Fra i progetti attuali e recenti in cui è coinvolto sono inclusi:Palahockey, TAV Firenze, Il Sole 24 Ore, Milano; Central Park, Schio; American Air Museum, Duxford, UK; Commerzbank HQ, Frankfurt.

Tommaso Valle Si laurea nell'anno 1957 e si dedica immediatamente all'insegnamento universitario ed alla professione intesa, soprattutto, come ricerca architettonica. Partecipa infatti, subito dopo la laurea, a numerosi concorsi per confrontarsi sulla scena nazionale ed internazionale e vince prestigiose competizioni quali il Piano per il Centro Storico della città di Sassari, la sistemazione del campo di Auschwitz in Polonia, il Palazzo di Giustizia in Monrovia, l'”Enrico Fermi Memorial” a Chicago (‘honorable mentions'), gli Uffici del Governo a Cipro (II premio), il Padiglione Italiano alla Expo '70 ad Osaka in Giappone Negli anni '80 dedica gran parte della sua attività all'estero in Liberia, Nigeria, Ghana, Dahomey, Iraq, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Algeria, Tunisia e Francia, dove progetta e realizza importanti opere pubbliche. Vince il concorso per il progetto di restauro e la campagna di scavi per la “Ville d'Achier” in Algeria, per la sistemazione della Moschea della Mecca, per la sistemazione e la nuova diga del Porto della Condamine a Montecarlo, per i Nuovi Uffici della Camera dei Deputati e la Moschea e Centro Culturale Islamico (ex aequo con Paolo Portoghesi) a Roma, per il Palasport e Velodromo Coperto a Milano, per diversi complessi in Arabia Saudita ed Emirati Arabi. Negli anni '90, facendosi più pressanti gli impegni universitari, dedica la sua attività per lo più all'Italia, vincendo importanti competizioni ed acquisendo prestigiose commesse quali la progettazione dell'Università di Tor Vergata, della sede della Soc. Alitalia, dei Nuovi Insediamenti della Banca d'Italia, delle aerostazioni di Genova e Torino, della Torre di Controllo dell'aeroporto di Malpensa, senza tralasciare completamente l'estero dove vince i concorsi per lo Stadio di Dar El Salaam in Tanzania e quello bandito dalle Nazioni Unite per la Sede (dell'E.C.A.) in Etiopia. Attualmente sono in corso di progettazione e realizzazione diversi suoi progetti a Roma tra i quali: i Mercati Generali, l'ampliamento degli Uffici della Banca d'Italia, la Nuova Fiera di Roma, le Aerostazioni Nazionale e Schengen ed il Satellite nell'aeroporto Leonardo da Vinci, la “cittadella” denominata Fonopoli, il restauro dell'Istituto Geologico Nazionale. Si ricordano inoltre le prestigiose prequalifiche a livello mondiale tra le quali quelle per la progettazione degli Edifici Nato a Bruxelles, per l'Auditorium di Roma, per la Sede Centrale della Banca Europea a Francoforte e per l'Auditorium a Piazza Tiennamen a Pechino.

 

ArcelorMittal è il più grande produttore di acciaio al mondo, con 320.000 dipendenti in più di 60 paesi. La società riunisce in sé le aziende numero uno e numero due al mondo: Arcelor e Mittal Steel. ArcelorMittal è il leader su tutti i principali mercati globali, tra cui il settore Automobilistico, Costruzioni, Elettrodomestici ed Imballaggi. E' all'avanguardia della Ricerca & Sviluppo e della tecnologia, con importanti capacità nell'approvvigionamento di materie prime con reti di distribuzione di primo livello. La presenza industriale in 27 paesi europei, asiatici, africani ed americani apre all'azienda tutti i principali mercati dell'acciaio, dai mercati emergenti a quelli maturi, una posizione che svilupperà anche sui mercati ad alta crescita della Cina e dell'India. I dati economici pro-forma di ArcelorMittal per il 2006 evidenziano ricavi complessivi pari a 88,6 miliardi di dollari, con una produzione di 118 milioni di tonnellate di acciaio grezzo, equivalente circa al 10 per cento della produzione d'acciaio mondiale. ArcelorMittal è quotata sulle borse di New York (MT), Amsterdam (MT), Parigi (MTP), Bruxelles (MTBL), Lussemburgo (MT) e sui mercati spagnoli di Barcellona, Bilbao, Madrid (MTS) e Valencia.